Calciomercato Roma: accordo con il Manchester United, torna Smalling!

Il difensore del Manchester United, lo scorso anno in prestito alla Roma, torna dai giallorossi anche per questa stagione, con un piccolo particolare: questa volta è definitivo.

La società capitolina ha infatti, dopo ore di trattative, trovato l’accordo conclusivo con gli inglesi dello United. Si è materializzato tutto grazie al blitz effettuato Giovedì dai dirigenti Fienga e Zubiria, direzione Londra. Ricordiamo che non c’è ancora la fantomatica ufficialità, che però potrebbe già prendere forma nella giornata di oggi.

Chris Smalling in maglia giallorossa – fonte: profilo Twitter Smalling

Parlando di cifre, per il difensore inglese sarebbe pronto un contratto da 3 milioni a stagione per 4 anni complessivi e allo United andrebbe una somma vicina ai 15 milioni di euro.

Sul giocatore è aleggiata spesso l’ombra dell’Inter (da sostituire a Skriniar in caso di partenza dello slovacco) ma la società ha ormai rinunciato al colpo, una volta scoperto che Smalling sarebbe tornato in Italia solo per vestire la maglia giallorossa, entrata nel cuore del difensore.

Ma le sorprese non sono finite, Fonseca può ancora sorridere. La Roma starebbe trattando anche altri giocatori dello United: stiamo parlando del portoghese Diogo Dalot, nazionale under 21 e l’olandese Timothy Fosu-Mensah, classe ‘98, che ha il contratto in scadenza nel 2021 e gli inglesi non vorrebbero perderlo gratis.

Al momento sono ancora possibilità ma nulla vieta di fare il tris e portare a Roma ben tre giocaotri con un colpo solo, questi nomi potrebbero essere, infatti, inseriti nell’accordo per Smalling.  

Vecchie conferme e giovani novità per una Roma pronta a dire la sua in questa stagione, su tutti i campi, non sfigurando nel suo primo anno di nuova proprietà a stelle e strisce.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus