Calciomercato Juventus: Suarez avrà il passaporto italiano, ma Morata, Dzeko e Cavani sono le alternative

La Juventus continua la propria caccia a un attaccante da regalare a Pirlo in vista dell’inizio di questa stagione. Il sogno, che poi si sta tramutando in una splendida realtà, porta il nome di Luis Suarez, “bomber” in uscita dal Barcellona di Bartomeu che quest’anno sta perdendo, pezzo pezzo, tutte le bandiere degli ultimi anni.

Affinché si ufficializzi l’amore tra Suarez e i bianconeri bisogna che l’uruguaiano ottenga il passaporto italiano per trasferirsi nel Belpaese. Secondo le indiscrezioni rilasciate da “La Gazzetta dello Sport” la prossima settimana “El Pistolero” dovrebbe sostenere l’esame di italiano B1 per ottenere appunto il lasciapassare. Una volta risolti i cavilli burocratici bisognerà convincere il presidente Bartomeu a svincolarlo. Suarez chiede al Barcellona una “buonauscita” pari a parte dello stipendio da 15 milioni che percepisce in Spagna, una richiesta che i blaugrana non sembrano disposti ad accondiscendere. Poco male, perché la Juventus potrebbe a quel punto intervenire direttamente e pagare essa stessa parte dell’emolumento al Barcellona per far in modo di “acquistare” Suarez e portarlo in tal modo a Torino. A quel punto Suarez apporrà la propria firma su un contratto biennale, con opzione per il terzo, da dieci milioni a stagione (accordo già raggiunto con la “Signora”). L’uruguagio diventerà ufficialmente un attaccante della Juventus, risolvendo il problema centravanti a Pirlo che, tra le altre cose, avrebbe chiesto alla dirigenza un ulteriore sforzo per arrivare a Moise Kean, in quanto vorrebbe avere a disposizione un bomber di scorta.

Suarez Juventus

Juventus: Morata, Cavani e Dzeko le alternative a Suarez

E se la storia che vi abbiamo raccontato sopra prendesse una piega diversa? Sebbene l’affare Suarez sembri ormai in dirittura d’arrivo, permangono alcune incertezze sulla reale possibilità di vederlo in bianconero. Il Barcellona continuerà a fare resistenza circa la rescissione contrattuale e non è detto che Paratici metta mano al portafoglio per assicurarsi le prestazioni di un over 30, sebbene sia uno dei migliori centravanti del mondo. Ecco allora che i bianconeri continuano a rimanere vigili su altri possibili candidati al ruolo di “nove”: tra questi spiccano Alvaro Morata, Edin Dzeko e Edinson Cavani.

Il bosniaco della Roma pareva in netto vantaggio sulla concorrenza sino alla settimana scorsa, fino a che non sono salite le quotazioni dell’uruguaiano blaugrana. Il possibile acquisto di Dzeko dipende però dalle mosse della Roma che deve prima trovare un erede capace di garantirele giuste garanzie sottoporta a Fonseca. Il nome c’è già ed è quello di Arkadiusz Milik, per il quale il Napoli continua a chiedere comunque una contropartita (Under) e un indennizzo economico. Difficile che la Roma accetti a queste condizioni, anche perché poi dovrebbe cercare un nuovo trequartista/esterno sul mercato, visto che Pastore non offre garanzie dal punto di vista fisico.

Resta allora in auge l’ipotesi Cavani, bomber purosangue in scadenza con il PSG che aveva ricevuto anche le attenzioni dell’Inter lo scorso gennaio. Poco lo spazio per “El Matador” nell’ultimo anno, chiuso dalla stellina Mbappé e dal neoacquisto Mauro Icardi. Ora Edinson va alla ricerca di un’ultima, grande, sfida per chiudere al meglio la propria carriera. Già nel passato, ai tempi di Napoli, Cavani e la Juventus si sono cercati, “annusati”, senza mai colmare le distanze. Ora sembra ci stiano provando: come riferisce Gianluca Di Marzio, infatti, Paratici avrebbe contattato Cavani per sondare il terreno su un suo possibile trasferimento a Torino. Un semplice dialogo interlocutorio, nel quale sarebbe stato chiesto a Cavani quali siano, in particolare, le sue pretese economiche. Il capitolo centravanti resta comunque apertissimo in casa Juve. Pirlo ha bisogno di gol pesanti per mettere la “ciliegina” alla coppia Ronaldo-Dybala e la dirigenza sta provando ad accontentarlo in tutti i modi.

L’ipotesi Morata è una suggestione, un ritorno gradito a dirigenza e tifosi, ma anche alla società, che acquisterebbe un giocatore relativamente giovane, un investimento su cui puntare per diversi anni. D’altronde, lo spagnolo ha giocato anche con Pirlo, che avrebbe dato già il suo benestare al trasferimento. Bisogna convincere solo l’Atletico Madrid, poco propenso a lasciar partire il proprio attaccante, soprattutto considerando l’addio vicino di Diego Costa, offerto a mezza Europa, che piace anche in Cina.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus