Calciomercato: il PSG vuole soffiare Kubo al Barcellona. Real Madrid e Manchester City alla finestra

Potrebbe scatenarsi una vera e propria asta per il “Messi giapponese”

In Giappone ne sono sicuri: Takefusa Kubo, astro nascente del calcio nipponico, non è più sicuro di tornare al Barcellona. Il giocatore della FC Tokyo, squadra che milita in J1 League, massima serie di calcio giapponese, è passato dal settore giovanile blaugrana quando aveva 10 anni, ma a causa di una sanzione della FIFA inferta al Barça per irregolarità nel tesseramento dei giovani, fu costretto a tornare in Giappone a 15 anni.

Per cautelarsi, però, il Barcellona stipulò un accordo speciale con il club giapponese: quando Kubo avrebbe compiuto la maggiore età per l’Europa (in Giappone si è maggiorenni a 20 anni), sarebbe potuto ritornare in Spagna. Tuttavia, negli ultimi giorni sono cambiate molte cose, con Kubo che ha cambiato entourage che ora chiede maggiori garanzie al Barcellona ed uno stipendio più alto. I blaugrana vorrebbero prendere il giocatore e relegarlo nella squadra B, cosa che non va bene al suo entourage che si sta guardando intorno.

Prontamente, si è inserito il Paris Saint-Germain che segue Kubo già dal 2017 e, secondo media giapponesi, avrebbero fatto un’offerta superiore a quella del Barça, offrendo al giocatore quasi 800mila euro all’anno. Ingaggio importante per un giocatore giapponese così giovane. Il sogno di Kubo è sempre stato quello di tornare al Barcellona, ma le complicazioni sorte e la poca fiducia in lui che ripone il club blaugrana gli stanno facendo cambiare idea. Ora i francesi sono in pole per portare in Europa quello che è stato additato da tutti come il “Messi giapponese”, viste le sue qualità ed i suoi movimenti.

Oggi, Kubo compie proprio 18 anni ed il suo contratto con la Tokyo, fanno sapere dal Giappone, è scaduto. Su di lui non ci sono solo Barcellona e PSG, ma anche Real Madrid (che nel suo settore giovanile vanta già Takuhiro “Pipi” Nakai, altro talento nipponico) e Manchester City, pronte a sfidare gli altri due club. Nel frattempo, Kubo si sta godendo la sua prima convocazione con la nazionale maggiore del Giappone, divenendo il giocatore più giovane convocato dai Samurai Blue e parteciperà all’ormai imminente Copa America, alla quale il Giappone partecipa come special guest. In J-League, Kubo ha già segnato 4 reti e fornito 4 assist nelle prime 13 partite ed ha permesso alla Tokyo di mantenere il primato.

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei