F1 2018, Gp di Abu Dhabi, dichiarazioni di Hamilton e Bottas prima del weekend

Siamo al giovedì, il giorno consueto delle conferenze stampa dei piloti. Si avvicina l’ultimo weekend della stagione 2018, che ha visto trionfare ancora una volta Hamilton.

La Mercedes è ancora davanti a tutti, alle concorrenti, in primis la Ferrari, servirà qualcosa di più per poterla battere. Hamilton, dopo aver conquistato il suo quinto titolo mondiale, fa un bilancio della stagione e spende parole per Alonso, che ha deciso di lasciare la Formula 1:

Hamilton prima del gp di Abu Dhabi sfoggia tutto il suo fisico.
Fonte: Twitter Hamilton

 

 

“Abbiamo passato momenti belli e brutti con Alonso, ma non saprei cosa altro dire. Lui era prima di me in F1 e aveva già raggiunto risultati. Se mi mancherà? Mancherà allo sport”.

Poi c’è il tempo per poter fare un bilancio di quest’ultima stagione e paragonarla a quelle passate. Lewis è molto deciso e senza dubbio quest’ultima è stata la più emozionante, soprattutto per la quantità e qualità degli avversari che ha avuto in pista:

“Volevo finire la stagione in modo positivo. Pur non avendo una grande memoria, è stato uno degli anni migliori. Per quello che è successo e anche per il valore degli avversari”.
Su se stesso e la sua parabola di corridore, afferma come rispetto al 2008 (anno in cui ha conquistato il suo primo titolo mondiale) sia migliorato molto dal punto di vista mentale e fisico:
“Penso che nel 2008 ero un bambino e stavo ancora maturando. Avevo il supporto di tutto il talento necessario, ma non potevo contare sulla stabilità e sulla forza, mentale e fisica, che sono riuscito ad acquisire negli anni. Ho ancora le abilità che avevo da giovane, ma ho sviluppato il mio lato mentale, raggiungendo una buona stabilità. Questo mi ha permesso di vivere al meglio la vita, senza sacrificare la guida o le prestazioni”.
Bottas rivive le emozioni del gp di Abu Dhabi dello scorso anno.
Fonte: Twitter Bottas

Il suo compagno di squadra Bottas si è detto molto deluso della gestione di gara ad Interlagos e spera di no ripeterla ad Abu Dhabi. Correre sulla difensiva non ti aiuta, spesso si raccoglie meno di quanto preventivato:
“Correre sulla difensiva è abbastanza fastidioso perché sono costretto a farlo molte volte. L’ultima corsa in Brasile non è stata certo un’eccezione. Ho cercato di difendermi da molti attacchi durante la gara, ma questo ti porta a trovare dei compromessi, perchè più ti difendi e più perdi terreno e passo. Sei costretto a sacrificare una curva per il rettilineo successivo e questo non mi piace”.
 
 

 

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega