Volley, risultati Serie A1 femminile: Novara vince il derby contro Cuneo

Non basta una prova di carattere alla Bosca San Bernardo Cuneo che esce sconfitta, col risultato di 3-1, dal derby piemontese del PalaUbiBanca contro Novara, gara valevole per la Serie A1 di volley femminile. Le “gatte” mettono in difficoltà Hancock e compagne, andando a vincere il primo parziale grazie soprattutto alla buona intesa tra Signorile e le sue centrali. Poi, l’uscita dal campo di Ungureanu nel quarto set, problema al ginocchio per lei, toglie potenziale all’attacco e permette alle igorine di vincere in scioltezza, conquistando tre punti sudati in una partita che forse avrebbe avuto nel tie-break la sua conclusione più degna.

Tra le giocatrici, spicca ancora una volta il rendimento delle due centrali cuneesi: entrambe si confermano giocatrici complete, in grado di alternare braccio armato, con colpi veloci e potenti, e fioretto, grazie a pallonetti morbidi che prendono in controtempo la retroguardia avversaria. La migliore in campo, comunque, veste la maglia di Novara e risponde al nome di Micha Hancock.

Vero attaccante aggiunto, ben otto i punti con alcune schiacciate di “seconda”, la palleggiatrice statunitense si dimostra uno dei registi più completi al mondo: la sua distribuzione recita 28 punti per le centrali e 30 per le schiacciatrici, con 19 palloni messi a terra anche da Smarzek. Buona anche la prova della “nostra” Noemi Signorile, la cui reale incidenza sul gioco cuneese si rivela nell’alternanza con Turco: quando l’ex Cannes è assente, la squadra di Pistola subisce break importanti che si rivelano decisivi per la conquista del set da parte delle avversarie.

Serie A1 femminile volley: il racconto di Cuneo-Novara 1-3

Il match inizia nel segno del muro cuneese, con Candi che rispedisce al mittente gli attacchi di Bosetti e Smarzek per un primo break di due punti.

Novara si sblocca con un diagonale di Herbots, ma poi scivola sul 5-2 dopo l’errore di Smarzek sulla parallela.

Signorile conduce molto bene il gioco al centro, tanto che i muri di Zakchaiou su Herbots e i primi tempi attaccati da Candi, portano il punteggio sull’8-6.

Nuovo vantaggio di più 3 da parte di Cuneo con una parallela messa a segno da Giovannini, poi Novara trova un buon break e riesce prima a pareggiare con Smarzek che sfrutta una “slash” della stessa Giovannini (10-10), poi a passare sull’11-10 con un ace di Hancock. Smarzek ci mette nuovamente la firma in parallela, e Novara sembra girare l’inerzia del match (12-10)

Due errori delle campionesse d’Europa in attacco ricuciono subito il piccolo solco venutosi a creare, poi Ungureanu sfrutta ancora la lentezza di Novara in copertura, e la beffa con un pallonetto che vale a Cuneo il punto del controsorpasso (13-12).

La squadra di Pistola gestisce bene il vantaggio e si procura un buon margine di tre punti grazie a un mani out di Giovannini (19-16).

Novara tiene botta giocando soprattutto sulle mani del muro avversario, soluzione che consente a Smarzek di riacciuffare il set sul 21 pari.

Nel finale di set è la stessa polacca ad ingaggiare un duello a distanza con Zakchaiou. Sono le due giocatrici a trascinare le rispettive squadre, con l’opposto che si fa sentire in parallela (23-23) e la centrale che risponde a muro (23-24). Il set point viene dunque capitalizzato da Bici, che trova lo spazio stretto in lungolinea dove la difesa di Novara non può intervenire.

Il secondo set vede una prima fase molto equilibrata, con le squadre che si rincorrono punto a punto: ad un ace di Ungureanu per il 4-3, risponde Hancoc con un altro colpo di “seconda” per il 4-5.

Cuneo si riporta avanti con la fast di Candi (7-8), cui fa seguito analogo colpo di Bonifacio (8-8). Novara trova un nuovo break con il pallonetto di Herbots e, soprattutto, l’ace di Hancock che fissa il punteggio sull’8-11.

Cuneo è brava però ad assorbire subito il turno in battuta dell’americana con una fast di Candi (9-11), e a pareggiare i conti con la parallela di Bici.

Il set prosegue dunque in maniera molto equilibrata, ma il cambio in regia effettuato da Pistola, con Turcoi che prende il posto di Signorile, coincide con un momento di black out della squadra cuneese: due muri consecutivi di Novara portano infatti il punteggio sul 13-17, vantaggio che si rivelerà decisivo per la conquista del set.

La squadra di Lavarini riesce a scappare addirittura sul 15-23, sfruttando proprio la scarsa intesa tra Turco e le sue compagne: una brutta alzata per Giovannini si trasforma in un muro ai danni della giovane schiacciatrice, con la palleggiatrice che non si dimostra reattiva in copertura.

Neanche il rientro in campo di Signorile riesce a raddrizzare le cose, dacché Bosetti chiude il parziale sul 16-25 con un bel colpo in diagonale.

Il terzo set è quello più combattuto dell’intero incontro: Cuneo entra bene in campo e piazza subito un parziale di 5-2 con una diagonale di Bici sulle mani di Hancock.

Lavarini chiama timeout e le sue ragazze reagiscono assottigliando lo svantaggio sul 6-5, con un bell’attacco di Herbots a tutto braccio in scorrimento. Cuneo ristabilisce le ditanze con un pallonetto della “solita” Zakchaiou (8-5), ma poi Novara si fa sentire a muro con Hancock su Bici per il punto del 9-8.

Novara riacciufffa per un attimo il set grazie a un muro di Daalderop su Candi (12-12). Proprio l’ingresso dell’olandese volante permette ad Herbots di tirare il fiato, ma non impedisce a Cuneo di conquistare nuovamente un buon margine con l’attacco di Bici in parallela e l’ace di Giovannini che valgono il 17-13.

Su questa situazione di punteggio sembra che Signorile e compagne possano gestire, ma Novara si dimostra formazione in grado di ribaltare, col talento delle sue giocatrici d’attacco, anche le situazioni più disperate. Smarzek e Bosetti si spartiscono il merito portando nuovamente il punteggio in parità (20-20). L’opposto polacco punge sia in parallela che in diagonale, mentre l’italiana fa sentire la propria presenza a muro su Bici.

Novara riesce a passare addirittura avanti con un mani-out della stessa Bosetti (20-21), ma Cuneo non demorde e, complici due errori consecutivi al servizio di Bici e Populini, porta il punteggio sul 23 pari.

Nel finale di set sale in cattedra Ungureanu: suo il punto del 24 pari con una giocata sulle mani del muro, così come il 24-25, frutto di un altro mani-out. Novara annulla il set point con Herbots, poi il parziale si spinge, punto a punto, fino all’inverosimile. È un’invasione fischiata a Cuneo, sul punteggio di 28-29, che consegna a Novara il 2-1 provvisorio.

Le velleità di Cuneo, a dispetto di tre set piuttosto combattuti, si spengono tutte nell’ultimo parziale. Persa Ungureanu, uscita per un problema al ginocchio, anche l’attacco delle “gatte” non riesce più a graffiare, complice una Gay ancora acerba per la categoria.

Novara può dunque malmareggiare in campo e si guadagna, in poco tempo, un parziale di 2-9 completatp da un mani out di Herbots. Turco lascia il posto a Signorile e la situazione migliora, con Cuneo che si porta sul 6-9 grazie a un pallonetto di Stjepic.

Novara non si scompone e trova subito un’altra accelerata fulminea, con Smarzek che sigla due ace di fila e fissa il punteggio sul 6-13.

Novara continua a spingere con Chirichella in fast (7-15), poi fa ancora male con Bonifacio a muro su Bici e Bosetti in diagonale (9-18). Nella parte finale del set il vantaggio di Novara assume proporzioni siderali: Bonifacio si fa sentire ancora sottorete su Zakchaiou e porta il punteggio sul 10-21.

Cuneo non c’è più e l’errore di Fava al servizio lo testimonia (13-23). È la stessa Bonifacio, con un attacco in primo tempo, a regalare il match point alla sua squadra, poi Herbots chiude i conti sfruttando la parallela (14-25).

Novara si issa così a quota 43 punti in classifica e prosegue la sua caccia disperata alla capolista Conegliano. Battuta d’arresto per Cuneo, che ha comunque disputato tre set di alto spessore, sia dal punto di vista tecnico quanto agonistico. La squadra di pistola resta ancorata l sesto posto in graduatoria, ma già mercoledì giocherà il recupero della 15^ giornata contro Monza, che le dirà quali possano essere le sue reali ambizioni.

Serie A1 volley femminile: gli altri risultati di giornata

Oggi si è giocato su altri tre campi, gare valevoli per la 18^ giornata. Di seguito il riepilogo dei risultati, ricordando la vittoria di Scandicci su Casalmaggiore nell’anticipo di ieri sera al PalaRadi. Riposa l’Imoco Volley Conegliano.

Casalmaggiore-Scandicci 1-3: (18-25; 25-17; 22-25; 21-25)

Busto Arsizio-Brescia 3-1: (25-18; 25-23, 23-25; 25-21)

Firenze-Bergamo 3-1: (25-22; 25-14; 24-26; 25-17)

Monza-Chieri 3-2: (26-24; 22-25; 19-25; 25-21; 15-13)

Cuneo-Novara 1-3: (25-23; 16-25: 28-30: 14-25)

Serie A1 volley femminile: la classifica aggiornata

SquadraPGVSSet
1Imoco Volley1616048:548
2Novara1715246:1443
3Pro Victoria Pallavolo1411335:2130
4Savino Del Bene129331:1727
5Chieri Torino137628:2123
6Cuneo Granda Volley168828:3519
7Trentino D136722:2418
8Bisonte1661025:3617
9Busto Arsizio135821:2816
10Casalmaggiore1551023:3414
11Bergamo1631318:4311
12Millenium Brescia1611519:4610
13Wealth Planet1331014:349
Fonte: Google

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus