Volley, Conegliano raggiunge Ravenna. Lube di nuovo al comando

Giornata di gare sia nella Serie A1 femminile che nella Superlega maschile. Le ragazze di Santarelli battono 3-0 Chieri, inanellano la vittoria numero 72 e agganciano il mito dell’Olimpia Teodora. La Lube di Blengini espugna Monza ed è di nuovo capolista.

C’è chi riconferma la propria legittimità sul trono, e chi il trono è riuscito a riprenderselo: nel mercoledì del volley italiano l’Imoco Conegliano riscrive la storia, mentre la Lube Civitanova Marche torna a mostrare i muscoli e si riprende il primato in classifica.

Con la netta vittoria (3-0) ai danni di Chieri, le ragazze di Santarelli, trascinate da una Egonu sempre determinante (20 punti e titolo di MVP), hanno composto la loro opera numero 72. Le ragazze terribili, che piegano le resistenze delle piemontesi con parziali identici (22-25) raggiungono il mito della Teodora Ravenna, la leggendaria squadra guidata da Sergio Guerra, capace di vincere undici Scudetti consecutivi (primato tuttora ineguagliato nello sport italiano) tra il 1980 e il 1991.

Le venete sono lontane da un simile obiettivo, ma intanto eguaglia la striscia d’imbattibilità che la squadra romagnola inaugurò il 15 marzo 1985, battendo Modena 3-0, e concluse l’8 dicembre di due anni dopo, perdendo 3-1 contro Ancona.

Imoco Volley Conegliano campione d'Italia

L’ultimo morso le “Pantere” l’hanno ricevuto il 12 dicembre 2019 da Perugia (sconfitta al tie break), in una partita che, a causa del Covid, sembra essersi giocata un secolo fa.

Eppure sono quasi due anni che la squadra veneta non cede il proprio scalpo alle avversarie. Ora nel mirino c’è il Vakifbank, l’acerrima antagonista di queste ultime stagioni, che di vittorie ne aveva ottenute addirittura 73, prima di cedere al Fenerhbace nel gennaio del 2014. Bastano altri due passi in avanti per diventare leggenda. La squadra campione di tutto non dovrebbe avere difficoltà a compierli.

Superlega, Civitanova di nuovo al comando

Per una squadra che si conferma dominatrice assoluta, ce n’è un’altra che ricorda a tutti il proprio rango. È la Civitanova di Blengini, che ha violato col punteggio di 3-0 il campo di una Vero Volley Monza illusasi forse troppo presto di essere diventata grande.

A riportare gli uomini di Eccheli sulla terra (21-25; 17-25; 16-25 i parziali) ci ha pensato Lucarelli con i suoi 18 punti e un ottimo 44% in attacco. Risponde presente Trento, che batte 3-0 Ravenna in trasferta (16-25; 23-25; 12-25) e, grazie ai 16 punti del top scorer Pinali, si mantiene appaiata alla squadra marchigiana con 13 punti.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€