Video gol highlights Venezia-Salernitana 1-0 dts (2-4 dcr): i lagunari non chiudono e si arrendono ai rigori, campani salvi

Risultato Venezia-Salernitana 1-0 dts (2-4 dcr), playout di ritorno Serie B: interminabile e tesissima, la sfida di ritorno dei playout si conclude nel modo più crudele, ai rigori, con la vittoria dei campani che trasformano tutti i loro penalties, mentre i lagunari ne sbagliano due con Bentivoglio e Coppolaro e la retrocessione dei veneti in Serie C.

Il verdetto poteva essere diverso se al gol di Modolo a fine primo tempo i lagunari ne avessero fatti seguire altri approfittando anche della superiorità numerica goduta per tutta la ripresa per il rosso mostrato a Minala, ma la solita sterilità offensiva non ha permesso alla squadra di Cosmi di evitare l’inferno dei supplementari e la lotteria dei rigori.

La Salernitana forse non meritava, ma si è salvata con un pizzico di fortuna e tanta lucidità, cosa non pronosticabile visti i 75 minuti giocati con l’uomo in meno, ma ce l’ha fatta.

Cronaca Venezia-Salernitana 1-0 dts (2-4 dcr), playout di ritorno Serie B

La prima grande occasione è per i veneti, che si presentano davanti a Micai con Bocalon: la punta controlla un lungo cross e, spostato il pallone sul destro, conclude malissimo regalando palla al portiere avversario sciupando la chance.

Segue poi un periodo abbastanza lungo denso di grande agonismo e poche emozioni: il Venezia manovra, ma a provare a segnare è la Salernitana con conclusioni estremamente imprecise che finiscono sul fondo.

Anche i lagunari sono spesso imprecisi, ma si rendono nuovamente insidiosi al 39° con una fuga sulla sinistra di Rossi, il quale ubriaca i difensori granata (oggi in maglia bianca) e mette in mezzo per Bocalon, ma il pallone viene allontanato. E’ il preludio al meritato vantaggio che arriva al 41° minuto: Bentivoglio batte una punizione che è a metà tra un tiro e un cross, Modolo controlla, finta il tiro di destro mettendo fuori causa un difensore e infine scarica di sinistro fulminando Micai.

Proprio a ridosso del duplice fischio entra in scena il Var per valutare una caduta in area di Djuric dopo un contatto con Zampano: le immagini non ravvisano nulla di irregolare in questo contatto, ma evidenziano una gomitata di Minala ai danni di Modolo, meritevole di espulsione secondo Aureliano; il difensore del Venezia, così, oltre al gol “regala” ai suoi anche la superiorità numerica. Dopo cinque minuti di recupero il primo tempo si chiude sul risultato di 1-0, che porterebbe le due squadre i tempi supplementari.

Le prime occasioni della ripresa capitano ad Anderson, che per ben due volte in pochi minuti sfiora il pareggio con due progressioni identiche concluse con altrettanti potenti sinistri terminati fuori di poco.

Il Venezia prova a farsi vedere con Lombardi, che si accentra e sbaglia mira mandando la sfera alle stelle, mentre è maggiormente insidioso un colpo di testa di Orlando al quale manca solo potenza.

Dopo la metà della ripresa i lagunari sfiorano il raddoppio in due occasioni distinte: al 75° Domizzi costringe Micai al grande intervento su un suo colpo di testa da corner, specialità della casa, e sei minuti più tardi Pinato approfitta di un rimpallo e conclude alto dal cuore dell’area. Le ultime battute vedono in avanti i campani, ma Odjer non trova lo specchio da lontanissimo e Djuric colpisce debolmente facilitando il compito a Vicario. Gli ultimi assalti sono infruttuosi e così si deve andare ai tempi supplementari.

Il primo tempo supplementare è appannaggio dei padroni di casa, che mettono sotto gli avversari sfiorando la rete con Bruscagin, il cui mancino ad incrociare viene sventato da Casasola in scivolata, e con Zigoni, che prova ad approfittare di un intervento fuori area di Micai, ma manca il bersaglio di pochissimo dalla lunga distanza. Nel secondo parziale, invece, non accade nulla di importante a parte una respinta di Micai su un potente tiro da posizione angolata di Lombardi. Sono necessari i calci di rigore, che vedono la Salernitana trionfare per quattro trasformazioni a due: sbagliano Bentivoglio, che si fa parare il suo tiro, e Coppolaro, che tira altissimo. Per i campani, invece, quattro gol su quattro tentativi.

Migliori in campo Modolo (7), che se la sbriga bene dietro ed è sia autore del gol che rimette tutto in discussione sia fautore dell’espulsione di Minala, e Micai (7), decisivo con un paio di parate importanti nel finale e complessivamente sempre attento; ai rigori respinge il tiro di Bentivoglio spalancando le porte della salvezza ai suoi. Male Bocalon (5), che si divora un gol e poi sparisce, e Minala (4), che commette un brutto gesto facendosi cacciare a fine primo tempo a “coronamento” di una gara fin lì senza acuti.

Tabellino Venezia-Salernitana 1-0 dts (2-4 dcr), playout di ritorno Serie B

Venezia (4-4-2): Vicario; Zampano, Modolo (67′ Coppolaro), Domizzi, Bruscagin; Lombardi, Schiavone (112′ Suciu), Bentivoglio, Pinato; Bocalon (66′ Zigoni), Rossi (95′ Pimenta). Allenatore: Cosmi

Salernitana (4-3-3): Micai; Pucino, Mantovani, Migliorini, Lopez (84′ Memolla); Odjer (118′ Mazzarani), Di Tacchio, Odjer; Casasola, Djuric (116′ Calaiò), A. Anderson (55′ Orlando). Allenatore: Menichini

Marcatori: 41′ Modolo

Arbitro: Aureliano

Ammoniti: Bocalon, Schiavone e Pimenta

Espulsi: 45′ Minala

Sequenza rigori: Domizzi gol, Casasola gol, Suciu gol, Calaiò gol, Bentivoglio parato, Pucino gol, Coppolaro alto e Di Tacchio gol

Video gol highlights Venezia-Salernitana 1-0 dts (2-4 dcr), playout di ritorno Serie B

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 34 anni e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana