Video Gol Highlights Lecce-Venezia 1-1: sintesi 20-05-2021

Risultato Lecce-Venezia 1-1: i salentini fanno la partita, creano occasioni soprattutto nella prima frazione, ma sbagliano quel tanto che basta e così la finale resta un sogno. E’ il Venezia ad andarvi grazie al rigore trasformato da Aramu, mentre al Lecce non basta Pettinari e Mancosu sbaglia anche un rigore.

Sintesi Lecce-Venezia 1-1

Il primo parziale segue alla lettera il copione del match di lunedì scorso, ma a parti invertite: è la squadra di Corini, infatti, a dominare interamente e a mettere continuamente in apprensione l’avversario dovendo del resto vincere con qualunque punteggio per qualificarsi alla finale.

La prima chance giunge al 22° dopo una lunga fase di anestetizzazione praticata sugli ospiti: servito al limite dell’area da Coda, Maggio conclude di destro trovando una deviazione di Maleh che spedisce la sfera sul fondo di poco.

Dopo un tiro di Coda fermato agevolmente da Maenpaa, i salentini sfiorano ancora il gol al 36°: Henderson tira da fuori area, il pallone si impenna per la deviazione di Svoboda e dalla difettosa presa del portiere veneziano nasce una carambola su Molinaro che manda la sfera sulla traversa.

La pressione è forte da parte dei leccesi, ma i veneziani reggono e cercano il modo di rispondere, riuscendo nel finale di tempo ad andare a battere un corner. Il tiro non va a buon fine, ma Svoboda cade in area dopo un contatto con Maggio e così Irrati, dopo alcuni minuti, deve andare al VAR.

Le immagini fanno vedere il difensore austriaco nettamente agganciato dal terzino ex Sampdoria e Napoli, ma non chiariscono se Svoboda abbia toccato a sua volta l’avversario; Irrati concede comunque il rigore, trasformato perfettamente da Aramu.

Il recupero viene dilatato ulteriormente, da tre a sei minuti, e proprio al 50° il Lecce sfiora il pareggio con Coda: dopo un destro ribattuto da Ceccaroni, la punta giallorossa riprova con il mancino e Maenpaa è strepitoso negando la rete al capocannoniere. La prima frazione si conclude così.

Serie B

La seconda frazione si apre con un gran tiro di Mancosu,che ha rimpiazzato lo spento Nikolov, da calcio di punizione, terminato fuori di pochissimo.

L’andamento non è diverso rispetto al primo tempo, con i pugliesi che fanno molto di più e cercano continuamente di segnare riuscendovi al 65° sugli sviluppi di un corner: il contro-cross di Coda arriva a Tachtsidis, Maenpaa è ancora bravissimo sulla zuccata del greco, ma Lucioni rimette in mezzo per il tocco vincente di Pettinari che vale il meritato 1-1.

I continui attacchi non producono, però, ulteriori occasioni fino al rigore assegnato per un fallo di mano di Maleh: Maggio gli tira il pallone sulla mano, ma Irrati non cede alle proteste e assegna subito il penalty, sciaguratamente calciato alto da Mancosu all’80° minuto. Di fatto è l’ultima emozione e fino al 95° non accadrà altro.

Migliori in campo Maenpaa (7), decisivo, e Pettinari (7), che segna il gol della speranza ed è sempre attivo. Male Forte (5), ben marcato, e Mancosu (4.5), che sbaglia il rigore che avrebbe potuto portare il Lecce in finale.

Tabellino Lecce-Venezia 1-1

Venezia (4-3-1-2): Maenpaa; Mazzocchi (46′ Ferrarini), Svoboda, Ceccaroni, Molinaro; Crnigoj, Taugourdeau (84′ Dezi), Maleh; Aramu (52′ Johnsen); Di Mariano (77′ Cremonesi), Forte (76′ Bocalon). Allenatore: Zanetti

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Maggio (86′ Paganini), Lucioni, Dermaku, Gallo (64′ Calderoni); Majer (63′ Tachtsidis), Hjulmand, Nikolov (46′ Mancosu); Henderson (86′ Rodriguez); Pettinari, Coda. Allenatore: Corini

Marcatori: 48′ pt rig. Aramu e 65′ Pettinari

Arbitro: Irrati

Ammoniti: Hjulmand, Mazzocchi, Lucioni, Maenpaa, Ceccaroni, Maleh e Tachtsidis

Espulsi: 95′ Rodriguez

Note: all’80° Mancosu sbaglia un rigore

Video Gol Highlights Lecce-Venezia 1-1

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 28 anni e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureando in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana