Video Gol Highlights Hellas Verona-Salernitana 1-2: Sintesi 9-1-2022

Video Gol e Highlights Hellas Verona-Salernitana 1-2, 21° Giornata Serie A: segnano segnano Djuric, Lazovic e Kastanos

Clamoroso colpaccio della Salernitana, che batte l’Hellas Verona allo Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona nel posticipo serale della ventunesima giornata di Serie A, secondo turno del girone di ritorno.

Inizia con un bell’auspicio il 2022 dei campani, che festeggiano il cambio di proprietà con una vittoria che mancava da tempo immemore, muovono la proprio classifica portandosi ad undici punti e danno un senso a questa seconda metà di stagione, visto che la zona salvezza è distante solo sei punti.

Sconfitta inaspettata per gli scaligeri, che arrivavano da una vittoria importantissima in trasferta, un ko che frena la squadra dopo due risultati utili consecutivi, in cui avevano conquistato la bellezza di quattro punti.

Serie A 2021-2022

Sintesi di Hellas Verona-Salernitana 1-2

E’ piena emergenza per Igor Tudor, che deve fare a meno di Berardi, Bessa, Cancellieri, Cetin, Coppola, Faraoni, Magnani e Montipò per positività al Covid-19, oltre agli infortunati Faraoni, anche lui contagiato, Dawidowicz e Frabotta, oltre a Hongla, convocato in nazionale per la Coppa d’Africa. Squadra praticamente obbligata con Pandur a porta, Casale, Gunter e Ceccherini nella difesa a tre. Esordisce dal primo minuto il neo acquisto Depaoli sulla destra, dalla parte opposta il solito Lazovic, mentre in mediana scelta la coppia formata da Ilic e Miguel Veloso. In attacco solo panchina per Barak, sostituito da Lasagna al fianco di Simeone e Caprari, in un tridente ultra offensivo.

Difficoltà di formazione anche per Stefano Colantuono, orfano dei positivi Coulibaly, Ruggeri, Obi, Ribery, Simy, Ranieri, Bogdan, Guerrieri e Strandberg. Il portiere Belec sarà protetto da una linea a cinque costituita da Zortea e Jaroszynski sulle fasce, e dal trio formato da Veseli, Gyomber e Gagliolo al centro. In mediana è stato recuperato l’altro Coulibaly con Di Tacchio e Kastanos per chiudere tutti gli spazi, mentre in attacco spazio a Gondo, che dovrà girare attorno al pivot Djuric.

E’ una partita divertente nel primo tempo, disputato su ritmi abbastanza intensi. Infatti, i padroni di casa ci mettono aggressività e qualità, ma gli ospiti non si limitano a difendere, visto che sono bravi a ripartire in contropiede ribaltando l’azione continuamente.

Da una parte, Miguel Veloso impegna Belec dalla distanza e Simeone sfiora il gol con un bel colpo di testa, che fa la barba al palo, mentre dall’altra il più pericoloso è Gondo, che trova un Pandur attento.

Poco dopo, Belec alza la saracinesca sulle conclusioni di Depaoli, Ilic e Lasagna nel tentativo di assalto dei padroni di casa.

Al 29′ minuto a sbloccare clamorosamente il risultato sono gli ospiti, che trovano il gol del vantaggio con Djuric, che trasforma il calcio di rigore fischiato dall’arbitro per fallo di Gunter su Gondo.

La partita si accende e diventa sicuramente più maschia, come dimostrano le ammonizioni comminate a Kastanos, Ilic e Gyomber in un finale in cui gli ospiti si divorano il raddoppio con Gondo, sul quale Pandur fa il fenomeno.

Continua a essere molto divertente anche nel secondo tempo la partita, visto che i padroni di casa reagiscono con rabbia ed orgoglio, prendono in mano il pallino del gioco costringendo gli ospiti a difendersi più bassi.

Dopo le sostituzioni di Simeone e Depaoli per Barak e Kalinic, e la conclusione a fil di palo di Zortea, i padroni di casa si rendono pericolosi con un poco cinico Barak.

Al 63′ minuto i padroni di casa segnano il meritato gol del pareggio con la conclusione di rara precisione di Lazovic.

Il gol subito risveglia gli ospiti, che alzano il baricentro, pressano con grande convinzione, tanto da risultare pericolosi con Kastanos, che subito dopo al 70′ minuto trova il nuovo vantaggio con un bellissimo gol direttamente da calcio di punizione.

I padroni di casa non ci stanno e si riversano nella metà campo avversaria, rispondendo con Lasagna, molto pericoloso, e spaventando gli ospiti, che decidono di cambiare Coulibaly e Gondo per Capezzi e Bonazzoli, ma rischiano tantissimo sul tentativo di Kalinic prima dell’inserimento pure di Delli Carri per Zortea.

Nel finale c’è ancora tempo per altre sostituzioni, visto che entrano nel tabellino pure Tameze e Kechrida al posto di Casale e Veseli, ma soprattutto si assiste al salvataggio sulla linea di Gagliolo sulla botta sicura di Barak e all’espulsione di Ilic al 89′ minuto per un brutto fallo su Djuric e all’ammonizione di Di Tacchio.

Highlights e Video Gol di Hellas Verona-Salernitana 1-2:

Tabellino di Hellas Verona-Salernitana 1-2

Verona (3-4-2-1): Pandur; Casale (85′ Tameze), Gunter, Ceccherini; Depaoli (59′ Barak), Ilic, Veloso, Lazovic; Lasagna, Caprari; Simeone (59′ Kalinic). All. Tudor

Salernitana (3-5-2): Belec; Veseli (85′ Kechrida), Gyomber, Gagliolo; Zortea (71′ Delli Carri), M. Coulibaly (76′ Capezzi), Di Tacchio, Kastanos, Jaroszynski; Djuric, Gondo (76′ Bonazzoli). All. Colantuono

Arbitro: Federico Dionisi

Gol: 29′ rig. Djuric (S), 63′ Lazovic (V), 70′ Kastanos (S)

Assist: Veloso (V, 1-1)

Ammoniti: Kastanos, Gyomber, Di Tacchio, Gunter

Espulsi: Ilic all’88’

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia