Uefa: Ceferin introduce linee del fuorigioco più spesse nel Var. Proposte ECA di Agnelli per modifica format coppe

Ceferin sempre più rivoluzionario: vuole cambiare il fuorigioco ed il tocco di mano. Il presidente della Juve sogna ancora la Superlega

Ai microfoni di Sky Sports il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, ha parlato di possibili novità che la federazione vorrebbe applicare. Il dirigente slovacco ha espresso nuovamente un concetto a lui molto caro: il fuorigioco. Per Ceferin, infatti, un fuorigioco di un centimetro non può essere considerato come tale. Sarà offside solamente se l’infrazione è nettamente evidente. Come fare per capire quando lo è e quando no? Semplice,la soluzione è già pronta: basta ingrandire le linee che si vedono al Var.

La mania rivoluzionaria non si ferma però qui. Il massimo dirigente europeo vorrebbe anche intervenire sul fallo di mano, cercando di stabilire quando è da fischiare e quando si può lasciar correre. La decisione finale, precisa Ceferin, spetterà comunque al Comitato Esecutivo della UEFA. Queste innovazioni potrebbero essere già viste ad Euro 2020, Coronavirus permettendo.

ECAmbio tutto- Nel chiamare un “aggiornamento” calcistico Ceferin non è solo. Anche Andrea Agnelli è pronto a nuovi scenari, soprattutto a livello di competizioni. In occasione del FT Business of Football Summit, il presidente dell’ECA è tornato sul sogno di Europa (calcistica, si intende) allargata.

La volontà dell’ECA è quella di modificare radicalmente il format di Champions ed Europa League oltre ad introdurre una nuova competizione europea, la Conference League. Con la nascita di una terza competizione europea, Champions ed Europa League assumerebbero il ruolo di Serie A e B europee. Tutto ciò comporterebbe anche l’introduzione di un sistema di promozione e retrocessione. Cambierebbero così anche i rispettivi format.

Cosa cambia- In Champions andrebbero a competere 32 squadre, suddivise in quattro gironi da 8. Le prime 5 si qualificano agli ottavi di finale e all’edizione successiva della Champions, mentre seste e settimana giocheranno il playout. Chi vincerà prenderà parte all’edizione successiva della Champions, mentre la perdente sarà presente alla fase a gironi dell’Europa League seguente. L’ottava, invece, retrocede direttamente ai playoff di Europa League della stagione successiva.

Anche per l’Europa League sono previste 32 partecipanti divise come avverrebbe in Champions: 8 gironi da 4 squadre. Chi vincerà il rispettivo girone andrà agli ottavi di finale, seconda e terza invece si giocheranno l’accesso al turno successivo tramite uno spareggio. In fase di studio se con uno scontro diretto o, come presumibile, andata e ritorno. Le quattro semifinalista saranno promosse automaticamente alla successiva CL, con un limite però: una squadra per Paese.

Arriviamo dunque alla Conference League. Al nuovo torneo europeo (che partirà la prossima stagione) prenderanno parte ben 64 squadre, suddivise con criteri geografici, e che saranno divise in 16 gironi da 4 squadre divisi in 4 aree: Nord, sud, Est e Ovest. Ogni aerea avrà un torneo suo. Le prime due di ogni girone continueranno il percorso verso gli ottavi. Le restanti otto partecipanti agli ottavi saranno stabilite da uno spareggio a eliminazione tra le squadre qualificatesi come seconde in Conference League e le terze dei gironi di Europa League. La squadra vincitrice parteciperà alla successiva Europa League.

Rivoluzione sia- Parlando di idee innovative proposte dalle federazioni ecco quelle della Fifa. In questi giorni alcuni rappresentati federali si sono recati nei Paesi Bassi per discutere insieme alla federazione oranje – oltre a quelle di Germania, Belgio, Inghilterra e Stati Uniti- di possibili innovazioni. Come riportato dalla ‘Bild’, la Fifa vorrebbe introdurre: rimessa laterale con i piedi, espulsioni a tempo, sostituzioni illimitate, possibilità di partire palla al piede in una punizione di seconda e tempo di gioco effettivo.

Quanto proposto da Ceferin, a meno di clamorosi passi indietro e Coronavirus permettendo, potrebbe essere già applicato  durante Euro 2020, prossima grande manifestazione fissata tra i mesi di giugno e luglio: la decisione sulla possibile abrogazione è attualmente in programma per marzo, periodo in cui è fissata anche una nuova riunione dell’Uefa a Budapest tra i vertici dell’International Football Association Board.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili