Udinese-Juventus, Sarri: “Essere vicini allo scudetto non significa niente”

L’allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Udinese. Il tecnico toscano ha predicato calma per la vittoria dello scudetto, ormai vicinissimo.

Domani alle ore 19:30 la Juventus sarà di scena alla Dacia Arena di Udine dove affronterà l’Udinese nella partita valevole per la trentacinquesima giornata di Serie A.

Quella di domani è una partita importante per i bianconeri che possono fare un passo ulteriore verso lo scudetto. In caso di successo, alla Juventus basterebbe poi un solo punto nel turno successivo per essere matematicamente campione d’Italia per il nono anno consecutivo.

Nella conferenza stampa odierna, però, Maurizio Sarri ha voluto predicare calma, facendo tutti gli scongiuri. Il tecnico toscano è cosciente che manca poco, ma ha dichiarato come essere vicini non significhi niente del calcio e che tutto è ancora da conquistare: “Io faccio sport, nello sport la parola vicino non significa niente. Quando vai vicino a un gol non hai fatto gol, quindi non ci interessa. Sappiamo che ci mancano 4 punti e fare punti è difficile per tutti, è faticoso. Dobbiamo rimanere con la testa sulle singole partite tanto poi i punti si fanno lì”.

Vincere contro l’Udinese sembra scontato per molti, ma non Sarri che ha dichiarato come i friulani siano in un ottimo momento. L’Udinese deve ancora conquistare la salvezza ed il tecnico bianconero non si aspetta di fare una passeggiata alla Dacia Arena: “L’Udinese sta abbastanza ben fisicamente, nelle ultime 4-5 partite hanno fatto buone prestazioni e poi danno la sensazioni di arrivare a fine gara piuttosto bene a differenza di tante altre squadre. È una partita difficile, ma siamo in una fase della stagione in cui è difficile giocare con tutti e per tutti“.

Nonostante la Juventus sia vicinissima a conquistare lo scudetto ed è comunque ancora in corsa in Champions League, ci sono state delle critiche verso Sarri per il gioco espresso. Il tecnico toscano, tuttavia, con i suoi soliti modi ha dichiarato come le critiche non lo tocchino affatto: Probabilmente sto sui coglioni a qualcuno. Non lo so, mi interessa relativamente perché poi quelle giornalistiche sono opinioni quindi mi interessa relativamente leggere opinioni su una materia in cui io penso di saperne di più. Poi può darsi che sbagli ma fammi essere presuntuoso in questo”.

Per quanto riguarda la formazione di domani, non ci sarà Bonucci per squalifica e toccherà a Rugani prendere il suo posto con Sarri che ha difeso il giocatore. L’ex Empoli è stato preso di mira dalla tifoseria dopo la sconfitta con il Milan, ma il tecnico bianconero non è d’accordo: “Non sono d’accordo sulle brutte prestazioni perché non si può parlare di brutta prestazione di Rugani in un quarto d’ora di delirio della squadra. Rugani fino al 60’ a Milano aveva fatto bene ma poi è rimasto come gli altri in un crollo di squadra”. 

Ancora una volta, è stata oggetto di discussione la convivenza tra Dybala Cristiano Ronaldo ed a Sarri è stato chiesto se vede ancora margini di miglioramento. Il tecnico toscano ha risposto come veda margini di miglioramento in tutta la squadra, aggiungendo di non vedere particolari difficoltà in questa convivenza: “Noi siamo una squadra forte che ha ancora margini di miglioramento. Mi sembra evidente. L difficoltà nella convivenza fra due giocatori di così alto livello fatica vederla. Possiamo non coprire bene l’area di rigore in alcuni momenti ma poi è tutto compensato dalla qualità individuale di questi due grandi giocatori. Si sta parlando di due che hanno fatto 51 gol in questo stagione, stiamo parlando di un livello assoluto, mondiale”.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei