Tennis, WTA Ostrava: trionfa Sabalenka, sconfitta in due set la connazionale Azarenka

Aryna Sabalenka conquista il WTA Premier di Ostrava, il penultimo evento nella stagione tennistica WTA al femminile di questo 2020 davvero tormentato e rivoluzionato nel suo calendario.

La tennista bielorussa, numero tre del seeding del torneo ceco e numero 12 del ranking mondiale, ha piegato in due set, in una finale tanto attesa quanto poi deludente nel suo svolgimento, la sua connazionale Victoria Azarenka (6-2 6-2).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Un duplice 6-2 che non ha lasciato spazio a repliche, una performance perfetta della più giovane tra le due a fronte di un’evidente difficoltà fisica dell’ex numero uno del mondo, decisamente non al suo meglio nella partita più importante della settimana.

Per Sabalenka si tratta, ad appena 22 anni, già del settimo titolo della carriera, il secondo in questa stagione dopo quello conquistato, prima della sospensione dell’attività internazionale, nel torneo Premier di Doha.

Con questo trionfo la ventiduenne di Minsk guadagnerà anche una posizione in classifica portandosi alla piazza numero undici, ad un passo dalla top ten già conquistata in passato e, inevitabilmente, suo ambiente legittimo con la sfida, per il prossimo anno, di realizzare quello step in più che ancora le manca negli slam.

Azarenka, invece, chiude così una mezza stagione che l’ha vista ritornare come un missile tra le migliori di questo sport dopo diversi anni di difficoltà, di problematiche anche al di fuori del campo, ritrovando quel gioco che, nel 2012, l’aveva condotta in vetta al ranking mondiale, a tratti dominante nel circuito.

WTA PREMIER OSTRAVA FINALE

(3) ARYNA SABALENKA B. (4) VICTORIA AZARENKA 6-2 6-2

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini