Tennis, WTA Linz: vittorie al terzo, la finale è Sabalenka-Mertens

Sarà tra Aryna Sabalenka ed Elise Mertens la finale del WTA International di Linz, l’ultimo torneo dell’anno nel circuito femminile che, a differenza di quello maschile, si è ritrovato con molti meno eventi nella coda della stagione.

Numero uno contro numero due, amiche, compagne di doppio, la finale più bella che il torneo, fin dalla vigilia potesse offrire, ma arrivarci non è stata una passeggiata né per l’una né per l’altra.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Aryna Sabalenka, dopo aver dominato i tre turni precedenti, ha sofferto e non poco nella sua semifinale contro la ceca Barbora Krejcikova (7-5 4-6 6-3) che l’ha costretta al terzo portandola ad innalzare qui, in maniera esponenziale, il suo gioco per venirne a capo.

Con questa finale la tennista bielorussa, in striscia positiva dopo il successo di qualche settimana fa ad Ostrava, è sicura di rientrare tra le prime dieci giocatrici del mondo e di chiudere questa stagione in top ten scavalcando in classifica Serena Williams.

In finale, come detto, se la vedrà contro l’amica Elise Mertens, numero due del tabellone austriaco che, in rimonta, e non senza patemi anche in un rocambolesco terzo set, ha avuto la meglio sulla russa Ekaterina Alexandrova (2-6 6-1 7-5), testa di serie numero quattro e finalista a Linz nel 2018.

Tra Sabalenka e Mertens sarà il sesto confronto diretto in carriera, con grandissimo equilibrio, con la bielorussa avanti per 3 successi a 2 e vincente anche nell’ultimo, nel febbraio di quest’anno, in due set, a Dubai ma con la tennista belga a segno nell’unico in una finale, a Lugano, nel 2018.

QUI, per il tabellone aggiornato del WTA International di Linz.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini