Tennis, WTA Elite Trophy Zhuhai: Bertens e Sabalenka aprono con un successo, male Keys

Ha ufficialmente aperto i battenti il WTA Elite Trophy di Zhuhai, l’ormai tradizionale secondo Master del circuito femminile che arriva a coronare un’intera lunga stagione.

Per la quinta edizione il torneo fa tappa in Cina, sul cemento di Zhuhai e vede coinvolte, salvo ritiri (mai numerosi come quest’anno), le giocatrici tra la nona e la ventesima posizione mondiale.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Elite Trophy Zhuhai)

In questa stagione, però, a causa dei forfait nell’ordine di Serena Williams, Johanna Konta, Angelique Kerber, Marketa Vondrousova, Amanda Anisimova, Sloane Stephens ed Anett Kontaveit, il torneo ha permesso a diverse seconde linee di entrare nell’evento e di poter chiudere, con punti e prestigio, la propria stagione.

Nella giornata inaugurale spicca la vittoria della prima favorita del seeding, l’olandese Kiki Bertens, fino all’ultimo alla caccia di un posto nel più blasonato Master di Shenzhen ed ora al via come principale candidata alla vittoria dell’evento.

Bertens ha superato in due set la croata Donna Vekic protagonista di una strenua lotta soprattutto nel primo set terminato al tie break e concluso solo dopo circa un’ora e venti minuti di battaglia.

Buona la prima anche per la numero quattro del tabellone Aryna Sabalenka che, in due set piuttosto comodi, con un unico break necessario per parziale, ha avuto la meglio sulla greca Maria Sakkari.

Infine, brutta prestazione per la statunitense Madison Keys, qui terza testa di serie che, in due set, in modo piuttosto netto e deludente, ha ceduto vistosamente alla cinese Saisai Zheng entrata nel torneo grazie ad una wild card messa a disposizione dal regolamento per una giocatrice di casa.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini