Tennis, ATP CUP: in finale sarà ancora Djokovic-Nadal. La Serbia batte nettamente la Russia, la Spagna ferma il sogno australiano

Nadal, qualche brivido con il bravo De Minaur. Djokovic passa su Medvedev e porta la Serbia in finale. Si rinnova la sfidata numero uno e due

Serbia contro Spagna. Sarà questa la finale della prima edizione dell’ATP CUP.

La Nazionale di Djokovic e compagni annienta i sogni della Russia già dopo i due singolari. Più combattuta, invece, la vittoria della squadra di Nadal e Co. Gli spagnoli vivono ( pochi) attimi di paura nella sfida del loro ( e non solo) numero uno, che però poi passa tranquillamente. Bautista Agut si conferma mostro di inizio stagione e batte 6-1 6-2 un deludente Kyrgios.

O CAPITANO- Sorpresa nel primo singolare.  Chačanov viene annientato in due set ( 7-5 7-6 (1) dal capitano Lajovic, in grande spolvero. 

La stoccata vincente ( e che stoccata quella sul 5-4 del terzo set) arriva, ça va sans dire, da lui: Novak Djokovic. 

Djoko supera Medvedev ( uscito vincitore lo scorso anno da Montecarlo e Cincinnati ) 6-1 5-7 6-4. Cacic/ Troicki non fanno sconti contro Gabashvili/ Kravchuk, battendoli 6-4 7-6 (1). 

SOLO UN (MEZZO) BRIVIDO- Nella vittoria di ieri contro Goffins, Nadal aveva mostrato qualche piccolo fastidio muscolare. Fastidio che, anche oggi, tortura il numero uno. Ne approfitta così de Minaur. Il numero 18 al mondo gioca di profondità, cullandosi sui parecchi errori di Nadal. Il primo set va meritatamente all’australiano.

Il secondo è un tripudio di tennis. De Minaur fa colpi di alta scuola, tutti meritatamente applauditi da Rafa. Tra qualche errore di troppo a favore, e dopo essere uscito dalle sabbie mobili dei punti in risposta, Nadal annulla il vantaggio. 

Per l’ultimo set, il maiorchino imposta la versione vera; de Minaur invece termina la benzina, anche quella di scorta, e si arrende al cospetto di un Nadal duro a morire, ma non a risorgere. Finisce 6-4 5-7 1-6. 

Chi poteva risollevare le sorti degli Aussie, delude profondamente. Kyrgios lascia negli spogliatoi il giocatore ammirato fino ad ora e sbatte contro il muro spagnolo eretto da Bautista Agut. Lo spagnolo si conferma fenomeno di inizio stagione e vince 6-1 6-4. 

Nel primo parziale Kyrgios mostra come non sia affatto giornata sbagliando molto al servizio. Da giocatore intelligente, Agut corre ad acciuffare il set. Il secondo, invece, è caratterizzato dall’eccessivo nervosismo dell’australiano che rompe anche una racchetta. La frittata ormai è fatta. Bautista Agut, sempre ragionando, arriva a meta. 

Carreno/Busta, poi, portano a casa anche il doppio: Guccione/Peers lottano, ma niente possono alla furia spagnolo e perdono 2-6 7-6 (6) 4-10.