Roma-Bologna 2-3, dichiarazioni post partita di Fonseca

L’allenatore non cerca alibi per l’ennesima figuraccia

Un’altra volta. Un’altra sconfitta, aggravata dal fatto che si giocasse in casa. Dopo Sassuolo, l’Emilia resta ancora indigesta alla Roma.

La partita con i neroverdi è stato il punto più basso della stagione ( almeno per i tifosi, per gli chi lo sa) ma quella di ieri contro il Bologna è ancora peggio. Una squadra timorosa di prendere il controllo del gioco, di essere spavalda, di alzare la testa, di reagire. Insomma, una squadra mediocre. E sia ben chiaro che la colpa è di tutti, dalla società fino all’ultimo dei giocatori.

Lo sa bene Paulo Fonseca. Il tecnico giallorosso, nel post-partita di Sky Sport, ha ammesso candidamente le proprie responsabilità. Il portoghese ha riconosciuto che la sconfitta col Sassuolo ancora alberga profondamente nella testa dei giocatori. E nella sua, aggiunge chi scrive.

Oltre alla ben nota fragilità mentale, però, Fonseca ha ribadito anche quella difensiva: 7 gol in due partite sono decisamente troppi. Evidenziati i problemi ( come se ce ne fosse ulteriore bisogno) l’allenatore della Roma ha suonato la carica:” Possiamo fare meglio di così“, ha detto. Certo che si può, ma si deve, sopratutto.

Ora testa (!) all’Atalanta.