NBA 2018/19, recap 3 novembre: vincono Rockets, Nuggets, Lakers, Spurs e Sixers. Celtics ko

Otto le partite che hanno animato il sabato notte della NBA. Il programma è cominciato al Wells Fargo Center di Philadelphia, dove i Sixers hanno avuto la meglio sui Detroit Pistons, grazie all’ottima partita di Joel Embiid (39+17 rimbalzi), che vanifica dall’altra parte la prova di Griffin (38+13 rimbalzi e 6 assist). Al Pepsi Center di Denver, i Nuggets si confermano al momento seconda forza ad Ovest, rimontando gli Utah Jazz con un 15-35 nel quarto conclusivo. Sugli scudi Harris e Murray (rispettivamente 24 e 19 punti a referto), mentre agli ospiti non sono sufficienti Crowder e Mitchell (21 e 16 a referto).

Un grande Joel Embiid ha trascinato i Philadelphia 76ers al successo interno sui Detroit Pistons (foto da: youtube.com)

Quinto ko in fila per i New Orleans Pelicans, che cadono all’AT&T Center di San Antonio al cospetto degli Spurs, a loro volta al 4° successo consecutivo. In evidenza i soliti DeRozan (26) ed Aldridge (22+12 rimbalzi e 6 assist), mentre i vari Holiday (29+8 assist), Mirotic (22+16 rimbalzi) e Davis (17+8 rimbalzi e 5 stoppate) non evitano la L a NOLA. Sorridono anche i Los Angeles Lakers, capaci di espugnare il Moda Center di Portland. Contro i Trail Blazers, decisivi sono il break di 25-6 tra fine terzo ed inizio quarto periodo, e la prova di LeBron James (28+7 assist); per i locali, i migliori sono stati Lillard e McCollum (30 punti a testa).

Cadono i Boston Celtics, mandati ko alla Bankers Life Fieldhouse di Indianapolis da una bomba di Oladipo (24+12 rimbalzi) a 3.4″ dalla fine. Per i Pacers positivi anche Evans (17) e Bogdanovic (16), mentre alla squadra di coach Stevens non bastano Morris (23+6 rimbalzi) ed Irving (18+6 rimbalzi). Seconda W consecutiva per gli Houston Rockets, che violano il parquet dello United Center, casa dei Chicago Bulls, grazie al rientrante Harden (25+7 assist e 4 rubate). LaVine (21 e 4/16 dal campo) non evita l’8° ko su 10 partite ai Bulls.

Vittoria ampia e in scioltezza per gli Charlotte Hornets che, allo Spectrum Center, spazzano via i derelitti Cleveland Cavaliers, mandando sette uomini in doppia cifra (spiccano Lamb (19+8 rimbalzi) e Walker (18)). Nei Cavs, i meno peggio sono Smith (14) e Clarkson (13). Infine, bel successo per gli Atlanta Hawks, a segno alla State Farm Arena ai danni dei Miami Heat. Un ottimo Trae Young (24+15 assist e 6 rimbalzi) è il trascinatore degli Hawks; Richardson (32), Wade (19) e McGruder (18) non bastano agli Heat.

Di seguito, il riepilogo della notte:

DETROIT PISTONS (4-4) @ PHILADELPHIA 76ERS (6-4) 99-109

CLEVELAND CAVALIERS (1-8) @ CHARLOTTE HORNETS (5-5) 94-126

BOSTON CELTICS (6-3) @ INDIANA PACERS (7-3) 101-102

MIAMI HEAT (3-5) @ ATLANTA HAWKS (3-6) 118-123

HOUSTON ROCKETS (3-5) @ CHICAGO BULLS (2-8) 96-88

NEW ORLEANS PELICANS (4-5) @ SAN ANTONIO SPURS (6-2) 95-109

UTAH JAZZ (4-5) @ DENVER NUGGETS (8-1) 88-103

LOS ANGELES LAKERS (4-5) @ PORTLAND TRAIL BLAZERS (6-3) 114-110

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo