MotoGP, saranno Lucchinelli e Kenny Roberts Jr. le prossime new entry della Hall of Fame

Riconoscimento alla carriera per Marco Lucchinelli e Kenny Roberts Jr. La Dorna, infatti, ha deciso di inserire i due nella Hall of Fame della MotoGP. La cerimonia, per quanto riguarda l’italiano, si terrà al Mugello, mentre per il californiano, ovviamente, ad Austin.

Marco Lucchinelli, in sella alla Suzuki nel 1981, l’anno del Titolo in classe 500 (foto da: daidegasforum.com)

Queste le parole di Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna: “Nominare una nuova MotoGP Legends è sempre importante. Kenny Roberts Jr e Marco Lucchinelli sono entrambi grandi campioni e meritano il loro posto nella prestigiosa Hall of Fame. Non vedo l’ora che questi due riconoscimenti siano assegnati“.

I due andranno a far compagnia alle leggende che fanno già parte di questa Hall of Fame: Giacomo Agostini, Mick Doohan, Geoff Duke, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Daijiro Kato, Eddie Lawson, Anton Mang, Angel Nieto, Wayne Rainey, Phil Read, Jim Redman, Kenny Roberts, Jarno Saarinen, Kevin Schwantz, Barry Sheene, Marco Simoncelli, Freddie Spencer, Casey Stoner, John Surtees, Carlo Ubbiali, Nicky Hayden, Alex Crivillé e Franco Uncini.

Motomondiale, classe 500. Kenny roberts Jr., su Suzuki, vince il campionato (foto da: daidegasforum.com)

Lucchinelli, classe ’54 da Ceparana, frazione di Bolano, Liguria, ha legato il suo nome nella classe regina alla Suzuki, con la quale gareggiò dal 1976 al 1981, conquistando il Mondiale proprio nel 1981, conquistando 5 vittorie. In totale, nel Motomondiale, Lucchinelli ottenne, in 87 gp, 6 vittorie, 19 podi, 9 pole e 9 giri record, con 361 punti iridati in cassaforte. Dopo aver vinto il titolo, Marco passò alla Honda (1982-83), per poi concludere con la Cagiva (1984-86).

Kenny Roberts Junior, classe ’73 da Mountain View (California), figlio d’arte (suo papà fu iridato in classe 500 dal 1978 al 1980), ha legato il nome allo stesso modo di Lucchinelli alla Suzuki. Dopo essersi fatto le ossa in 250, Kenny esordì nella classe regina con la Yamaha (1996). Dopo un biennio deludente con la Modenas KR3 progettata dal padre (1997-98), ecco l’approdo in Suzuki, con i quali fece subito faville. Vice-campione nel 1999 alle spalle di Criville, Kenny Roberts Jr. domina la stagione 2000 (davanti al rookie Rossi e Biaggi), primo pilota-figlio ad aver vinto un mondiale motoristico con il padre ex iridato ancora in vita. Lasciata la Suzuki nel 2005, il centauro statunitense torna al team del padre, il KR, con il quale disputa le ultime due stagioni (2006-07). In totale, su 185 gare, Roberts Jr. ha ottenuto 8 vittorie, 22 podi, 10 pole, 9 giri record e 1210 punti iridati.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo