Mondo dello sport in lutto: è morto Giampiero Galeazzi

Il giornalismo italiano perde uno dei suoi nomi più celebri. Giampiero Galeazzi, storico giornalista sportivo, si è spento nella giornata di oggi. L’ex canottiere italiano già da tempo combatteva contro il diabete che l’affliggeva.

Il giornalismo sportivo piange la scomparsa di Giampiero Galeazzi, storico telecronista della RAI. Chiamato simpaticamente Bisteccone, per via della sua prorompente mole fisica, Galeazzi è stato, per anni, colonna portante del giornalismo sportivo offerto dalla televisione di stato. Galeazzi era un ex canottiere ed aveva vinto anche il campionato italiano nel singolo nel 1967.

Laureato in economia, inizia alla sua avventura sportiva, anche quella giornalista nella RAI dove venne mandato come inviato alle Olimpiadi nel 1972 che si tennero in Germania, a Monaco. Tantissime, successivamente, furono le trasmissioni in cui apparve. La più longeva è stata sicuramente la Domenica Sportiva, dove venne mandato nelle partite di cartello della Serie A.

Aveva anche un’altra passione: quella del tennis. Galeazzi, infatti, fu mandato anche come telecronista di molti incontri di tennis In seguito, divenne anche opinionista di 90° minuto. Non solo il pallone: fu anche inviato nello storico incontro, per il trattato INF, tra Ronald Reagan e Michail Gorbačëv, a seguito del vertice di Reykjavík. La passione per il calcio, però, lo ha sempre accompagnato ed ha sempre commentato, neutralmente, le partite di calcio senza mai nascondere la sua fede per la Lazio.

Galeazzi, il cordoglio delle squadre di Serie A

Da un apio di anni, Galeazzi stava lottando contro il diabete che lo aveva allontanato dagli schermi televisivi. Si è spento nella giornata di oggi. Ad annunciare la sua morte sono stati i colleghi Clemente Mimun e Massimo Caputi. Non sono mancati i club che hanno subito mostrato il loro dispiacere per la perdita. Tra questi il Milan ed il Napoli che hanno reso omaggio ad uno dei volti più conosciuti ed amati del giornalismo sportivo italiano.

Anche il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ha espresso tutto il suo dolore per la scomparsa del giornalista romano:

Ci ha lasciati un grande professionista, la voce di tanti successi Azzurri dello sport italiano. Era un tifoso appassionato della nostra Nazionale, lo ricordiamo con grande affetto“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione