Milan-Sassuolo 1-3, Voti, pagelle e analisi, il Sassuolo passeggia a San Siro

Il Sassuolo domina e passeggia a San Siro per 1-3. Eppure è il Milan a passare in vantaggio con un colpo di testa di Romagnoli, ma poi la luce si spegne, Scamacca pareggia subito con un bella conclusione dalla distanza, poi sfortunato autogol di Kjaer e infine Berardi infila Maignan per l’1-3 finale. Espulso Romagnoli.

Top Milan: Nessuno.

Flop:

Milan 3 E’ il voto generale di tutta la squadra. Non c’è nessuno che si salva nella compagine rossonera. Romagnoli segna ma poi non azzecca nemmeno una giocata. Fase difensiva nulla, centrocampo inesistente e attacco sterile. Oggi veramente serve riflettere su tutti questi gol presi dal Milan. 18 gol in 14 giornate sono numeri impietosi per una squadra che lotta per le prime 4 posizioni della classifica.

Top 3 Sassuolo:

Scamacca 7 Grande prestazione per lui, non solo un grande gol, ma grazie al suo fisico tiene costantemente in apprensione tutta la retroguardia rossonera. Un grande segnale lanciato al CT dell’Italia Roberto Mancini.

Henrique 7,5 Probabilmente il migliore in campo del Sassuolo. Fa una prestazione sontuoso, bravo in fase d’interdizione e pericoloso in fase d’attacco. Veramente un calciatore totale, da tenere d’occhio.

Berardi 7 Altro gol al Milan, il 10 in carriera, una vera e propria bestia nera per i rossoneri. Non solo bravo in attacco, ma ha sviluppato anche il senso del sacrificio in fase difensiva.

Flop Sassuolo: Nessuno

Il Milan deve assolutamente migliorare la fase difensiva, la cosa disarmante è che sembra quasi che i rossoneri regalino i gol all’avversario. Il Sassuolo domina e merita grandi applausi come il suo allenatore. Ancora una volta il gioco e le idee sono i segreti di questa squadra.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Luca Meringolo

Informazioni sull'autore
Laureato in Comunicazione e Dams, collaboratore di Klichè e StadioSport. Tifoso del Milan, ma sa riconoscere gli errori della sua squadra e loda anche gli avversari per i loro meriti. Obiettivo: giornalismo imparziale!
Tutti i post di Luca Meringolo