Inter e Milan presentano al Comune il progetto per la ristrutturazione dello Stadio Giuseppe Meazza in San Siro

Milan e Inter, grazie ad un protocollo d’intesa, sarebbero pronte e presentare al Comune di Milano il loro progetto per la ristrutturazione del San Siro. Sul piatto un’idea di investimento pronta a riqualificare non solo lo stadio, ma anche tutta l’aria circostante. 

In seguito al protocollo di intesa stipulato fra Milan ed Inter nel novembre 2018, le due società si impegnavano a “sancire la volontà di lavorare assieme al progetto di realizzazione di uno stadio moderno e all’avanguardia“. Fra le opzioni prese in considerazione per riuscire a raggiungere quest’obiettivo vi è, appunto, la ristrutturazione dello Stadio Giuseppe Meazza

A tal proposito, le due società starebbero pensando di rilevare i vicini terreni dell’ex Ippodromo di Trotto, attualmente di proprietà della Snai. L’idea sarebbe quella di creare un vero e proprio polo sportivo, da implementare parallelamente alla ristrutturazione del San Siro stesso.

Fonte “Twitter”

L’idea di mantenere lo stadio in quell’area è vista di buon occhio dal sindaco Sala stesso, che spinge per l’ipotesi ristrutturazione. L’Inter sarebbe disposto a procedere in questa direzione, mentre il Milan potrebbe decidere di erigere un proprio stadio di proprietà. L’AD Gazidis starebbe valutando anche l’idea di uno stadio di proprietà, da costruire nell’ex area Falck di Sesto San Giovanni, ricca di terreni edificabili già muniti di licenze commerciali.

Le opzioni più probabili sono dunque due: da un lato, Inter e Milan potrebbero ristrutturare il San Siro a loro spese, avviando una gestione condivisa del suddetto stadio; dall’altro lato, l’Inter potrebbe accollarsi da sola l’intera gestione del Meazza, con il Milan intento a costruire un nuovo stadio (di proprietà).

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus