Formula 1 2016, limitate le comunicazioni radio: ecco cosa cambia

Formula 1, nel 2016 limitati al minimo i messaggi radio tra muretto e piloti

formula-1-comunicazioni-radio-limitate

C’è aria di cambiamento nel mondiale di Formula 1 al via tra poche settimane. In questa stagione, infatti, la FIA ha introdotto forti e pesanti limitazioni riguardo la comunicazione tra i box ed i piloti.

Nei 21 Gran Premi in programma, dunque, i drivers avranno sempre maggiori responsabilità nella gestione della gara e della monoposto, con al conseguenza di un tasso di errori durante le gare decisamente superiore: il tutto, ovviamente, ha come scopo ultimo quello di aumentare il tasso di spettacolo e di incertezza tra i tifosi sugli spalti ed i telespettatori.

La norma 20.1 del regolamento sportivo della Formula 1, infatti, cita in una dellesue parti il fatto che il conducente  deve guidare la monoposto senza alcun aiuto proveniente dall’esterno, fatto che nelle ultime stagioni era venuto sempre più a mancare, con gli ingegneri di pista e team principals che di fatto suggerivano, ad esempio, i distacchi dagli altri piloti e soprattutto riguardo alle mappature del motore o altre problematiche di gara.

Ora non sarà più così, o meglio: il pilota, in condizioni di gara normali, non potrà comunicare con il muretto. Ovviamente, però, vi sono delle eccezioni: in situazioni particolarmente critiche o in caso di problematiche relative alla sicurezza il dialogo sarà consentito.

Soddisfatto di questa decisione è stato Toto Wolf, boss della Mercedes AMG F1, il quale ha dichiarato

“Aver ristretto i controlli su questa norma garantiranno maggiore varietà nei risultati, e questo è un aspetto molto importante per il nostro sport. I piloti saranno più soggetti a fare errori, e questo potrebbe davvero cambiare il volto di ogni gara”.

Durante gli ultimi test invernali sul circuito di Montmelo, a Barcellina, la Mercedes ha fatto numerose prove di comunicazione con i propri piloti senza l’ausilio della radio. Nella circostanza, infatti, il team ha esposto due cartelli in cui veniva indicata la situazione della monoposto. A questo esperimento, però, ha preso parte soltanto il campione del mondo Lewis Hamilton, mentre Rosberg ha preferito non utilizzare questo stratagemma per ovviare alle limitazioni delle comunicazioni radio tra i piloti e muretto in Formula 1.

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Francesco Bergamaschi

Informazioni sull'autore
Frequenta il terzo anno della facoltà di Scienze della Formazione presso l'Università Cattolica di Piacenza. Tifoso della Juventus, è anche e soprattutto appassionato di calcio giovanile e serie minori.
Tutti i post di Francesco Bergamaschi