F1, qualifiche GP Monaco 2022: le dichiarazioni dei primi tre classificati

F1, GP Monaco 2022, Leclerc nuovamente in pole position: “La macchina dà sensazioni fantastiche”; Sainz in seconda posizione: “La bandiera rossa mi ha penalizzato”; Perez chiude il podio in terza posizione: “Strano che Sainz mi sia venuto addosso al Portier”.

Ancora un’accoppiata Ferrari: saranno le due vetture di Maranello a partire in prima fila nella griglia del GP di Monaco 2022. Charles Leclerc ottiene la pole position con un giro in 1:11.376, prima che le bandiere rosse, causate da un incidente di Sergio Perez al Portier, chiudano anzitempo la sessione di qualifiche. Queste le parole del monegasco, riportate da Sportmediaset:

La pole position a Monaco è molto speciale – ha spiegato Leclerc dopo le prove – Sono incredibilmente felice, è stato un weekend facile finora. L’ultimo giro prima della bandiera rossa è stato veramente buono, ero al limite ed avevo parecchio sovrasterzo ma il tempo è comunque arrivato. Stavo migliorando parecchio. La macchina dava sensazioni fantastiche ed è bello avere Sainz al mio fianco al via. Con l’asciutto credo la gara possa essere più prevedibile ma saremo comunque competitivi”

Immagine
Charles Leclerc in pole position a Montecarlo. Foto dall’account Twitter Ferrari

Ottiene la seconda posizione in griglia Carlos Sainz, che ha girato in 1:11.601, ma è rimasto coinvolto nell’incidente che ha interessato Sergio Perez. Il messicano, all’altezza del Portier (in uscita dal famoso sottopassaggio del circuito di Montecarlo), ha perso contatto col posteriore, andando a sbattere contro le barriere. Sainz, come ha spiegato, ha tentato di evitarlo ma, alla fine, ha impattato contro la sua vettura:

Quando è avvenuto l’incidente di Perez, io ero lanciato. Ho visto la bandiera gialla all’ultimo ed ho fatto il possibile per evitarlo ma la bandiera rossa ha messo fine alle qualifiche e mi ha penalizzato, come l’anno scorso. Potevo ancora puntare alla pole. Ora si tratta di completare l’opera: siamo in ottima posizione, andremo all’attacco. Pioggia o asciutto non importa, ci vanno bene entrambe le condizioni“. 

Conclude il podio proprio Sergio Perez (1:11.629), che tornando sull’incidente commenta:

Sono rimasto sorpreso che Sainz mi sia venuto addosso. Credo di aver avuto un problema tecnico. Abbiamo sbagliato la scelta degli pneumatici e quindi la strategia. Stavo cercando di recuperare il tempo che avevo perso, al Portier ho cercato di anticipare la curva per spingere prima sull’acceleratore ma il posteriore – per via degli pneumatici, appunto – non ha avuto aderenza e l’ho persa, finendo contro le barriere.