F1 Baku 2017, Lewis Hamilton: “Un venerdì molto difficile”

Non sono state delle prove libere semplici per i due piloti della Mercedes. Reduci dalla trionfale doppietta di Montreal, Hamilton e Bottas speravano in un approccio migliore al weekend azero. E invece, soprattutto Lewis Hamilton ha visto riemergere i fantasmi della gara dello scorso anno, con una sessione pomeridiana colma di errori e conclusa con il 10° tempo, vanificando sia la simulazione di qualifica che quella di gara. Valtteri Bottas, dal canto suo, se ha messo più di una pezza nel time-attack (2° a +0.100 da Verstappen), ha sofferto nella simulazione gara, lamentando ancora una volta delle difficoltà non indifferenti nel portare in temperatura le Pirelli.

Venerdì complicato per Lewis Hamilton, apparso assolutamente poco a suo agio a Baku (foto da: facebook.com/MercedesAMGF1)

LEWIS HAMILTON –E’ stata una giornata difficile, su una pista impegnativa sotto molti aspetti” – spiega l’inglese – “Abbiamo chiaramente ancora molto lavoro da fare prima delle qualifiche. Ma grazie al tempo ottenuto da Valtteri, sappiamo che possiamo fare di più. Ora dobbiamo sederci e mettere insieme tutti i dati che siamo riusciti a raccogliere, in modo da trovare quanto necessario per estrarre il massimo dalla monoposto“.

VALTTERI BOTTAS –E’ stata una buona giornata per me, visto che non ero soddisfatto della vettura. La seconda sessione di libere è andata leggermente meglio, ma è stato difficile riuscire a mettere insieme un giro pulito. Abbiamo molto da lavorare sul bilanciamento” – sottolinea Valtteri Bottas ai microfoni dei giornalisti – “Le Red Bull? Sono state sicuramente veloci, sono sembrate in ottima forma e ci hanno sorpreso. Vedremo cosa accadrà domani e domenica. Forse ci sarà una lotta tra tre team“.

Per noi oggi non è stato semplice mettere insieme un giro decente” – continua il finnico – “Per consentire alle gomme di lavorare nel modo corretto, siamo stati costretti a percorrere più giri. Al contrario sembra che Red Bull e Ferrari abbiano sofferto meno da questo punto di vista. Tutto ciò potrebbe metterci in seria difficoltà domani, per cui dobbiamo lavorarci su“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo