F1 2020, Binotto non crede alla vittoria a Melbourne

La F1 inizierà la stagione 2020 il 15 marzo a Melbourne eppure c’è già chi si preoccupa, come Mattia Binotto. I test pre-stagionali che si sono conclusi la scorsa settimana al circuito di Montmelò a Barcellona hanno infatti fornito alla Ferrari dei dati contrastanti e certamente poco confortanti. Sarà un’altra stagione in salita per la Rossa?

F1 2020 Binotto preoccupato per Melbourne

La scorsa stagione ha lasciato il team Ferrari con l’amaro in bocca. Dopo un inizio di stagione piuttosto negativo, infatti, la squadra di Maranello aveva dimostrato di essere in possesso di un motore potentissimo, specialmente lungo i rettilinei. Tuttavia questo non è bastato per fornire un bilancio completamente positivo del 2019, in quanto le vittorie ci sono state ma serviva qualcosa in più.

Mattia Binotto ci ha tenuto ad essere sincero ed analizzando la situazione di Barcellona si è dimostrato piuttosto preoccupato per l’inizio del 2020 della Rossa.

“Il nostro limite quest’anno è la velocità– dichiara il team principal – quest’anno non sono fiducioso come l’anno scorso. Quest’auto non è veloce, non può ambire alla vittoria a Melbourne.”

I risultati dei test pre-stagionali però, non sono stati proprio pessimi, sono stati altalenanti – “Le gare le vinceremo, non abbiamo fra le mani una macchina pessima ma l’inzio della stagione sarà dura. Mi sento meno fiducioso del 2019 nei confronti del lavoro svolto. No, non sono soddisfatto”– ha sospirato Binotto.

La Ferrari ha problemi di velocità secondo il team principal Mattia Binotto. Fonte: Twitter ufficiale della Ferrari

Velocità o affidabilità?

Il team del Cavallino Rampante sta cercando di porre rimedio alla lentezza della SF1000 senza compromettere gli altri fattori che compongono una monoposto. Creare il “giusto mix” non è facile, è un lavoro delicato e che richiede tempo, un tempo che al momento le squadre non hanno, a causa di un grande numero di gare e poco tempo di pausa – anche fra le stagioni – per mettere a punto una nuova soluzione.

La velocità è penalizzata dal drag – spiega Binotto però non possiamo spingere il motore al massimo perchè comprometterebbe l’affidabilità”.

Il dubbio è amletico: è meglio un’auto veloce ma che rischia di non arrivare al traguardo o un’auto affidabile che però non vince?