Europa League, aspettando Borussia Moenchengladbach-Fiorentina: il profilo di Federico Chiesa

Chi lo avrebbe mai detto? E’ vero che, come recita il detto, buon sangue non mente. Ma pensare che Federico Chiesa potesse avere un impatto così importante tanto in fretta nel calcio italiano e anche europeo era davvero quasi da maghi del pallone. Il gioiellino della Fiorentina compirà 20 anni a ottobre, ma nonostante ciò Sousa ne ha intravisto le grandi qualità dalla trequarti in su e lo sta ormai lanciando in pianta stabile da titolare. In campionato ha già messo a referto 14 presenze e 2 gol, in Europa League ha collezionato quattro apparizioni e anche un centro.

Insomma, siamo di fronte a un vero e proprio predestinato, pronto a ripercorrere le orme di suo padre che proprio con la Fiorentina (così come a Parma) ha toccato l’apice della propria carriera. Oltre alla Serie A, il giovane esterno genovese tutto estro, rapidità e intelligenza tattica avrà dunque modo di mettersi in mostra anche in campo internazionale.

Ai sedicesimi di finale di Europa League ci sarà il doppio confronto tutt’altro che agevole con il Borussia M’Gladbach, “retrocesso” dalla Champions League. E chissà che non possa essere proprio Chiesa a decidere la qualificazione agli ottavi per i gigliati.