Emergenza Coronavirus, ripresa serie A: Cairo e Cellino contro Lotito e DeLaurentiis

Si è aperto un duplice fronte in pancia alla serie A, a tema la ripresa eventuale del campionato. Per il ritorno in campo sono schierati i patron di Napoli e Lazio, mentre una brusca frenata sembrano averla posta i numeri uno di Torino e Brescia.

Con in auge un’emergenza sanitaria senza precedenti, che ha costretto allo stop, tra le altre cose, anche i campionati nazionali nel mondo, la serie A cerca di produrre idee su una ipotetica (e comunque lontana) riapertura delle ostilità.

Come spesso succede, però, anche questo tema è stato occasione di conflitto. I presidenti delle società del massimo campionato italiano, infatti, si sono divisi su due posizioni diverse.

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Lotito-2-650x432.jpg
Claudio Lotito – Fonte immagine: Sport.virgilio.it

 

A muovere i rispettivi schieramenti ci sono Aurelio De Laurentiis e Claudio Lotito, che vorrebbero programmare una ripresa, almeno parziale, degli allenamenti, mentre i presidenti di Brescia e Torino, Massimo Cellino e Urbano Cairo, sono più prudenti e vorrebbero, prima di tutto, una fine dello stato di crisi.

Nelle ultime ore, tuttavia, si è registrato un dietrofront da parte dei cosiddetti “falchi”, che hanno rinunciato a riprendere gli allenamenti, vista anche la portata delle conseguenze e dei pericoli che tale scelta avrebbe comportato.