Emergenza Coronavirus: FIGC predispone prolungamento della stagione e proroga contratti oltre il 30/06

Quando riprenderà il campionato di Serie A? Al momento è impossibile prevederlo. I vari organi di competenza stanno varando le più disparate ipotesi, dallo svolgimento dei playoff e playout per assegnare lo scudetto e le retrocessioni, fino ad una ripresa dei match, ma solo a porte chiuse.

In questo marasma si stanno susseguendo le riunioni e i summit, e i comunicati ufficiali sono all’ordine del giorno. Nella giornata di ieri, si è tenuta una di queste riunioni, in seno alla FIGC, da cui sono partite nuove proposte.

In questo summit, al quale hanno partecipato non solo il presidente della Federcalcio, Gravina, ma anche i vari presidenti di Lega, da Dal Pino, della Lega Serie A, a Sibilia, della Lega Dilettanti, passando da Balata e Ghirelli, rispettivamente della Lega di B e Lega Pro, si è discusso specificamente in merito proprio alle modalità di conclusione dei vari campionati.

Ciò che ne è emerso è che la FIGC sarebbe disposta a prorogare la fine dei campionati anche oltre il 30/06, data che ormai da anni segna la fine vera e propria della stagione calcistica, e alla quale sono legati i termini dei contratti di ogni tesserato dei club.

Gravina e i presidenti di Lega, sarebbero quindi disposti, in una situazione assolutamente straordinaria come questa, e di totale emergenza dovuta alla pandemia Covid-19, a discutere iniziative che posticiperebbero i vari pagamenti fiscali, contributivi e assicurativi, e la loro rinegoziazione a termine dei contratti.

Questo cosa comporterebbe? Darebbe evidentemente più tempo a tutto il sistema calcio italiano, per riiniziare i campionati, approfittando anche dello slittamento di Euro2020, per provare a chiudere la stagione in maniera regolare, tutelando club e calciatori, che non si vedrebbero improvvisamente a dover giocare delle partite oltre i termini di scadenza dei contratti.

Di queste e di altre iniziative si ridiscuterà in una nuova riunione che la FIGC ha indetto per giovedì 26 Marzo, a cui parteciperanno anche i rappresentanti delle associazioni arbitri, allenatori e calciatori.