Crisi Napoli: dall’ammutinamento dei giocatori alla contestazione dei tifosi

Dura contestazione da parte dei tifosi durante l’allenamento del Napoli di questo pomeriggio dopo l’ammutinamento della squadra di giovedì.

Qualcosa, o forse più di qualcosa, in casa Napoli si è rotto. Sono giorni molto caldi quelli che si stanno vivendo a Castelvolturno e dintorni dopo l’ammutinamento da parte dei giocatori avvenuto martedì scorso al termine della sfida contro il Salisburgo. Il comunicato ufficiale pubblicato dal Napoli nella giornata di ieri non ha fatto altro che peggiorare le cose, con il club che ha intrapreso le vie legali per far pagare dazio ai giocatori per non aver continuato il ritiro.

Il Napoli ha dato pieni poteri ad Ancelotti che fin da subito ha affermato di non essere d’accordo con il ritiro imposto dalla società, ma la posizione dell’allenatore è tutt’altro che solida. Se le cose non dovessero proseguire per il verso giusto, la società campana potrebbe anche decidere di esonerarlo facendo finire nel peggiore dei modi un rapporto che sembrava idilliaco.

La situazione è continuata a precipitare nelle ultime ore e all’allenamento pomeridiano svolto al San Paolo a porte aperte è accaduto un altro brutto episodio. Non appena la squadra ha messo piede in campo, infatti, dalle tribune sono volati fischi ed insulti come documentato da alcuni video pubblicati sui social. Se l’allenamento a porta aperte serviva a compattare la squadra con il pubblico, allora il Napoli ha fallito miseramente, con i tifosi che hanno urlato alla squadra di “andare a lavorare”.

Un caos senza precedenti ed alquanto inaspettato, nessuno se lo sarebbe mai immaginato ad inizio stagione quando il Napoli, per bocca di Ancelotti, si è candidato alla corsa scudetto. La squadra partenopea, invece, ora si trova addirittura fuori dalla zona Europa League ed è in corso un vero e proprio scontro tra società e calciatori e tra calciatori e tifosi. Sabato al San Paolo arriverà il Genoa ed al momento le possibilità di una nuova contestazione sono molto alte.

 

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei