Serie A, la classifica aggiornata dopo la 32^ Giornata

La 32° giornata di Serie A ha aperto un tour de force assolutamente decisivo per il campionato italiano, con tanti scontri diretti e incroci d’alta classifica.

Delude il Milan, che rischia di dire addio alla lotta per il sesto posto. La matematica non condanna i rossoneri, ma il gioco sì, nonché la peggior prestazione della stagione. Contro l’Udinese i rossoneri hanno dimostrato di essere apatici e senza voglia, quasi già in vacanza. Da qui la rottura tra il tecnico e i giocatori, che ha portato ad un ritiro punitivo senza scadenze. Bisognerà chiudere in crescendo la stagione, in attesa del cambio di proprietà.

Ancora male la Roma, che scivola al terzo posto in classifica, con un margine di soli due punti dalla quarta. Prestazione non completamente convincente contro l’Inter, che ha confermato le difficoltà di un attacco assolutamente abulico. Bene i nerazzurri, che danno continuità nelle proprie prestazioni e potranno lottare fino alla fine per tornare in Europa League. Il nuovo progetto comincia a mostrare gli effetti sperati anche nel gioco offensivo e di personalità. Il futuro sembra roseo.

Non ne approfitta la Lazio, clamorosamente fermata dal Chievo in casa. Molto sfortunata la squadra capitolina, che ha sprecato troppo, rischiando nel finale addirittura la beffa. Un solo punto conquistato che di fatto lascia ancora aperta la lotta per il secondo ed il terzo posto. Si deciderà tutto alle ultime due giornate con i due scontri diretti contro terza e quarta.

Passi avanti per la salvezza da parte dell’Atalanta, che supera l’Empoli, ma con strascichi dagli spogliatoi. Se le voci fossero vere, si prospetterebbe un mannaia da parte del Giudice Sportivo ad alcuni giocatori. Ancora orgoglioso il Parma, che supera il Palermo, mostrando di tenere al campionato fino in fondo. Se deve essere fallimento e retrocessione, lo sarà con grande professionalità e dignità.

Vince dopo 20 anni dall’ultima volta il derby della Mole il Torino, che supera una Juventus davvero sfortunata nelle conclusioni, ma sicuramente non del tutto positivo nella prestazione. I bianconeri hanno colpito tre pali e festeggeranno comunque la vittoria del quarto meritato Scudetto consecutivo, ma ai granata va l’orgoglio e il dominio cittadino, almeno per una notte, nonché la possibilità di credere ancora nel sesto posto, speranze alimentate da una prestazione davvero al top.

Clamorosamente meravigliosa il Verona, che in dieci e senza stimoli riesce ad avere la meglio su un Sassuolo abulico e troppo brutto per essere vero. Crede ancora nel sesto posto il Genoa, che manda nel baratro più profondo il Cesena, capace di lottare fino alla fine e di arrendersi solo di fronte alla superiorità dell’avversario.

Sorprendente, invece, la vittoria del Cagliari sul campo della Fiorentina. I viola sono in crisi di prestazioni e risultati profondissima in campionato, che hanno praticamente accantonato. E’ giusto, forse, visto che c’è la possibilità di vincere un trofeo internazionale importantissimo, ma c’è il serio rischio di una beffa e di un’esclusione clamorosa dalle coppe in caso di eliminazione. Insomma, può diventare un coltello a doppia lama. Urge cambiare rotta al più presto per blindare almeno il sesto posto. Si risvegliano i sardi grazia al nuovo tecnico, che dimostra come con la mentalità giusta questa stagione poteva andare diversamente.

Infine, super Napoli contro la Sampdoria e tre punti fondamentali nella diatriba per il secondo e terzo posto, ora vicini tre e due punti. Blindato il quarto posto, i partenopei sono in forma smagliante, hanno finalmente ritrovato il gioco spumeggiante ed europeo della scorsa stagione, mettendo da parte una crisi dovuta, forse, più alla pressione dell’ambiente. Il ritiro ha fatto benissimo alla squadra, che può conquistare un posizionamento assolutamente impensabile dopo gli errori del mese scorso, nonché si candida per la vittoria della seconda competizione europea. Male i doriani, che mostrano un’involuzione a livello di gioco e anche caratteriale. Il sogno europeo bisognerà conquistarlo nelle prossime settimane.

RISULTATI

Udinese-Milan 2-1
Inter-Roma 2-1
Atalanta-Empoli 2-2
Lazio-Chievo 1-1
Parma-Palermo 1-0
Verona-Sassuolo 3-2
Torino-Juventus 2-1
Genoa-Cesena 3-1
Fiorentina-Cagliari 1-3
Napoli-Sampdoria 4-2

CLASSIFICA

1. Juventus 32 22 7 3 60:17 73

2. Lazio 32 18 5 9 59:31 59

3. Roma 32 15 13 4 43:25 58

4. Napoli 32 16 8 8 57:39 56

5. Sampdoria 32 12 14 6 40:35 50

6. Fiorentina 32 13 10 9 44:38 49

7. Genoa 32 12 11 9 46:37 47

8. Torino 32 12 11 9 38:34 47

9. Inter 32 11 12 9 48:38 45

10. Milan 32 10 13 9 45:39 43

11. Palermo 32 10 11 11 44:46 41

12. Verona 32 10 9 13 40:56 39

13. Udinese 32 9 11 12 36:43 38

14. Chievo 32 9 10 13 24:33 37

15. Sassuolo 32 8 12 12 39:49 36

16. Empoli 32 6 17 9 34:40 35

17. Atalanta 32 6 13 13 29:44 31

18. Cagliari 32 5 9 18 38:62 24

19. Cesena 32 4 11 17 29:56 23

20. Parma 32 6 5 21 27:58 16

CLASSIFICA MARCATORI

1. Tevez C. Juventus 18
2. Icardi M. Inter 17
2. Toni L. Verona 17
4. Menez J. Milan 16
5. Higuain G. Napoli 15
6. Dybala P. Palermo 13
6. Quagliarella F. Torino 13
8. Gabbiadini M. Napoli (Sampdoria) 12
9. Berardi D. Sassuolo 11
9. Callejon J. Napoli 11
9. Di Natale A. Udinese 11
9. Klose M. Lazio 11
13. Anderson F. Lazio 10

Benito Letizia

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia