Calciomercato Milan: con Investcorp uno tra Lukaku e Haller?

Calciomercato Milan, Investcorp prepara 300 milioni per la prossima campagna acquisti: obiettivi Lukaku o Haller per l’attacco.

Il Milan potrebbe presto inaugurare un nuovo, importante, capitolo della propria storia: con il fondo Investcorp in trattativa per acquistare la squadra, il club rossonero vede schiudersi dinnanzi nuove prospettive di calciomercato.

Sono 300 i milioni che il fondo del Bahrain conta di mettere a disposizione per la prossima campagna acquisti estiva. Il primo reparto sul quale dovrà concentrarsi è l’attacco: Ibrahimovic non rinnoverà il proprio contratto in scadenza a giugno, e il solo Giroud, per altro classe 1986, non potrà bastare per affrontare una stagione su tre fronti.

Per questo, serve inserire un altro elemento nel pacchetto offensivo. Il sogno, come confermato da recenti indiscrezioni della “Gazzetta dello Sport”, sarebbe Romelu Lukaku. L’attaccante belga sta vivendo una stagione travagliata a Londra, tra le file del Chelsea: 12 gol in 38 presenze, e un rapporto con Tuchel che non è mai decollato.

L’arrivo dell’ex Inter al Milan è però reso difficile dal costo eventuale dell’operazione: il Chelsea ha versato, solo la scorsa estate, ben 115 milioni nelle casse nerazzurre. Per non fare minusvalenza, afferma la “Gazzetta”, i “Blues” dovrebbero cedere l’attaccante per non meno di 90 milioni.

Un altro scoglio è rappresentato dall’ingaggio: 12 milioni a stagione sono troppi per le casse rossonere, anche se la nuova proprietà può alzare il tetto degli ingaggi rispetto ai 6 milioni di salary cap precedentemente fissati da Elliott.

Così, la nuova dirigenza rossonera potrebbe essere portata a virare su un altro obiettivo: Sebastièn Haller, autore di ben 33 reti con l’Ajax. Più fattibile l’acquisto del ventisettenne francese, anche se il costo si aggira sempre sui 45 milioni.

Ciò significa che Il Milan sarà dunque costretto a fare grandi investimenti. Pioli ha riportato la squadra ai vertici del calcio italiano. Starà ora alla dirigenza rossonera alzare ulteriormente l’asticella per aprire un nuovo ciclo vincente, dopo dieci anni in cui si è riusciti a conquistare solo una Supercoppa italiana.