Calciomercato Juventus: obiettivo Paredes a centrocampo

La Juventus è interessata a Leandro Paredes, centrocampista del Paris Saint-Germain che era finito nel mirino dei bianconeri già in passato.

Ritorno di fiamma per Leandro Paredes in casa Juventus. I bianconeri sono a caccia di rinforzi a centrocampo e l’argentino è un profilo che piace alla dirigenza e al nuovo allenatore Andrea Pirlo. Paredes è visto dalla Juventus come ultima pedina per completare la mediana, con l’ex Roma che agirebbe da regista.

Paredes è sempre stato un pallino della Juventus nel passato recente, soprattutto quando c’era Allegri sulla panchina. Con l’arrivo di Sarri, però, l’interesse è scemato con il tecnico toscano che non era un particolare stimatore del centrocampista per il tipo di gioco che voleva proporre.

Ora, con l’arrivo di Pirlo, la Juventus ha riattivato questo suo interesse e resta da capire cosa voglia fare il Paris Saint-Germain con Paredes. L’argentino ha giocato solo 17 partite di Ligue 1 nella scorsa stagione e non ha lasciato il segno, siglando solo un gol in tutta la stagione.

Nonostante tutto, Paredes ha ancora la fiducia del tecnico Tuchel e secondo quanto riportato da Sky sarà importante capire cosa succederà sulla panchina dei parigini. Se il tecnico tedesco dovesse andare via, allora anche Paredes potrebbe lasciare, mentre in caso contrario l’argentino sarebbe propenso a restare a Parigi.

Classe 1994, Paredes in Italia oltre alla maglia della Roma ha vestito anche quella dell’Empoli e potrebbe presto arrivare per lui una nuova esperienza nel nostro campionato. Prendendo Paredes, la Juventus non solo acquisterebbe un giocatore che già conosce la Serie A, ma anche un giocatore esperto in campo europeo.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei