Calciomercato Inter: Godin ceduto al Cagliari

Diego Godin a un passo dal Cagliari. Il difensore uruguaiano è vicinissimo a lasciare l’Inter dopo una sola stagione. Trattativa nata grazie ai colloqui tra nerazzurri e sardi dei giorni scorsi e vicina alla chiusura nella giornata odienra. Godin si trasferirebbe a titolo definitivo e gratuito ai rossoblu.

Rischia di durare solo una stagione l’avventura di Diego Godin all’Inter. Arrivato a parametro 0 l’estate scorsa, il classe 1986 è ora molto vicino al passaggio al Cagliari di Di Francesco, lasciando i nerazzurri dopo una sola annata. La trattativa è stata costruita tramite i colloqui avvenuti nei giorni scorsi tra le due società (per parlare del futuro di Nainggolan) e il nome del centrale è diventato concreto solo oggi, con un affare che potrebbe subito chiudersi. Godin si trasferirebbe in Sardegna a titolo gratuito, andando a guadagnare uno stipendio dai 4.5 a 5 milioni di euro.

Nella stagione con l’Inter Godin ha offerto prestazioni in chiaro scuro, soprattutto subendo l’adattamento nelle difesa a 3 dove è stato utilizzato sul centrodestra (a volte in coppia con Skriniar e sul finale di stagione assieme a Bastoni a sinistra). In totale sono state 23 le presenze in Serie A con 1 gol, 5 in Champions League e 2 in Coppa Italia. 6 le presenze totali in Europa League, dove nel finale di stagione è diventato un punto fermo dell’11 interista, segando anche il momentaneo pareggio nella sfortunata finale.

Ora un probabile nuova avventura in Serie A, con l’Inter che cede a titolo gratuito ma andrà a risparmiare un ingaggio non basso, e il Cagliari che avrà a disposizione un centrale d’esperienza e di sicuro affidamento.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco