Calciomercato Inter, è fatta: preso Kolarov

Aleksandar Kolarov sarà un nuovo calciatore dell’Inter. Trovata l’intesa con i nerazzurri sulla durata del contratto.

Poche ore fa Piero Ausilio, ds dell’Inter, ha confermato l’interesse dell’Inter per Kolarov. Poche ore dopo quelle dichiarazioni la trattativa si può definire conclusa: il serbo sarà dell’Inter. Alla roma 1,3 milioni di euro.

Alla fine il calciatore ex Manchester City ha accettato la formula stilata dai nerazzurri di un anno più eventuale altro anno, in base a rendimento. Stessa tipologia contrattuale che l’Inter ha utilizzato con Young.

Kolarov ha messo da parte, quindi, la sua iniziale richiesta di 2 anni base contrattuale, pur di venire in contro alle esigenze dei nerazzurri e accasarsi da Antonio Conte, il quale ha tanto insistito per averlo.

Alla base di tanta ostinazione ci sono qualità, duttilita ed esperienza, caratteristiche fondamentali per poter tornare a vincere sin da subito secondo il tecnico ex Chelsea.

Kolarov potrà essere infatti usato come terzo di sinistra della difesa a 3, esterno alto in un centrocampo a 5 o come terzino in una difesa a 4.

Un vero e proprio jolly per Conte, che aggiunge al suo arsenale un altro uomo dopo Hakimi e in dolce attesa di Vidal.

Anche per il cileno, si dovrebbe essere alle battute finali. Con il ragazzo l’Inter ha già l’accordo sulla base di un biennale a 6 milioni annui. Serve solo che Vidal rescinda col Barcellona per ufficializzare la trattativa.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi