Bologna-Napoli 0-2, post-partita Spalletti: “Contento per la partita e per il ritorno di Osimhen. Potevamo chiudere già prima la partita”

Il Napoli trionfa contro il Bologna per 2-0 con un ritrovato Lozano. Il messicano sorprende con le sue giocate e porta gli azzurri verso la vittoria. Ritorna in campo anche Osimhen. Le parole di Luciano Spalletti nella consueta conferenza post-partita.

Il Napoli sceglie il migliore dei modi per archiviare la pesante sconfitta in Coppa Italia con la Fiorentina, cioè la vittoria. Si temeva un crollo psicologico dei giocatori dopo la disfatta ma non è stato così. Gli azzurri hanno vinto e convinto il proprio tecnico al Dall’Ara contro il Bologna. Il primo tra tutti è Lozano che ci mette per ben due volte lo zampino e porta il Napoli verso la vittoria.

Il messicano contro i Viola si era fatto espellere ma ha saputo subito farsi perdonare realizzando due gol di grande fattura. Luciano Spalletti ha espresso grandi parole anche per il suo attaccante ma, soprattutto, di tutta la squadra. La parola chiave è il possesso palla. Il Napoli è la squadra con la più alta percentuale dell’intera Serie A. Una caratteristica della squadra di Spalletti ma bisogna, comunque, essere più lucidi davanti alla porta.

Ci sono state tante occasioni per chiudere la partita già prima dell’inizio del secondo tempo, come il palo di Fabian Ruiz. Nella ripresa il Napoli si è abbassato ed il Bologna ha cominciato ad attaccare, un calo sicuramente fisiologico vista l’intensità della partita. Nonostante il doppio vantaggio, la squadra continuava ad attaccare come se non fosse sazia ed è questa la grande dote che il tecnico vuole riconoscere ai suoi uomini.

Ma la buona notizia, oltre la vittoria, si chiama Osimhen. Dopo circa due mesi, il nigeriano è ritornato in campo con una mascherina per proteggergli il volto. Subito l’attaccante ha fatto emergere le sue caratteristiche da grande goleador, anche se non ha trovato la rete. Osimhen dovrà ritrovare l’abitudine a giocare le partite, considerato il lungo stop, ma sembra essere più pronto che mai.

Grandi meriti anche a Fabian Ruiz. Oggi lo spagnolo si è preso in mano le redini del centrocampo. Per poco non ha realizzato un gol dal limite, lui che aveva già segnato all’andata al Maradona contro i rossoblù. Ci vogliono giocatori forti e che abbiano la giusta mentalità.

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione