Home » Via in prestito? No io resto: disastro Milan | Vuole restare a tutti i costi

Via in prestito? No io resto: disastro Milan | Vuole restare a tutti i costi

Stefano Pioli
Stefano Pioli e il mercato delle idee di un Milan alle prese con le cessioni – StadioSport.it

Una rivoluzione ancora non completata. Dopo ben otto acquisti, Milan alle prese con alcuni casi spinosi per quanto riguarda le uscite.

Il licenziamento di Maldini e Massara e la cessione di Tonali hanno dato inizio a un mercato diverso rispetto a quello che era nei piani del Milan. Sempre sostenibile, comunque.

Niente Kamada (alla fine comunque in Serie A con la Lazio), otto acquisti hanno suggellato il nuovo ciclo: Sportiello (l’unico affare chiuso nell’era di Maldini e Massara) e Luka Romero, il doppio acquisto dal Chelsea: Pulisic e Loftus Cheek. E ancora.

Chukwueze (subito frizzante nel pre-season rossonero con gol, propositività e dribbling) e Okafor (molto bene con il Novara), Tunus Musah e Tijjanu Reijnders hanno reso concreto il mercato delle idee che tanto stava a cuore a Stefano Pioli.

Capitolo un po’ diverso sulle uscite, molte delle quali sono state ad andamento lento. Ci è voluto più del dovuto per la cessione di Ante Rebic, alla fine al Besiktas. Messias al Genoa e Gabbia al Villarreal, Maldini all’Empoli. De Ketelaere all’Atalanta a titolo temporaneo. Ma c’è ancora da fare.

Un caso spinoso

La cessione più complessa e piena di criticità, peraltro ancora da concludere, è senza dubbio quella di Divock Origi. Nemmeno gli arabi hanno convinto l’attaccante belga, l’ex Liverpool è un caso spinoso: non rientra nei piani di Pioli ma al momento non ha né offerte concrete da valutare, né sembra intenzionato a lasciare Milanello.

Origi, ma non solo: Fodè Ballo-Tourè è un nome caldo di questo periodo: anche il terzino senegalese non c’è nella visione del nuovo Pioli sempre in mano a Pioli. Mattia Caldara e Marko Lazetic sono fuori dal progetto. Diverso, ma non troppo, il discorso legato a Yacine Adli.

Yacine Adli
L’oggetto misterioso del Milan: Yacine Adli continua a essere poco utilizzato da Pioli, eppure non si è riusciti ancora a cederlo, nemmeno in prestito – StadioSport.it

Un mistero

Nella passata stagione, Pioli ha fatto molti esperimenti nel tentativo di rendere il Milan nuovamente competitivo: ha cambiato modulo e sparigliato le carte, percorrendo nuove strade. Eppure, qualciasi novità non riguardava il centrocampista francese di origine marocchine.

Quasi un mistero la sua presenza nella rosa rossonera: Pioli lo sta provando come vertice basso del centrocampo a tre, alternativa a Krunic, mentre gli uomini mercato del Diavolo stanno cercando in tutti i modi di venderlo. A dir la verità qualche timido ammiccamento c’è stato: l’Ajax ci ha fatto un pensierino, sono arrivate anche offerte da Bundesliga e Ligue 1, ma Adli non sembra intenzionato a muoversi e vorrebbe giocarsi le sue carte al Milan, nonostante continui a essere poco utilizzato (comunque come rimpiazzo) e si cerchi di venderlo anche se soltanto in prestito.