Ufficiale, telenovela finita: Hudson-Odoi rinnova con il Chelsea fino al 2024

Dopo momenti di incertezza e frenate varie, Hudson-Odoi ha deciso di legarsi al Chelsea fino a giugno 2024 ed i tifosi dei Blues tirano un sospiro di sollievo.

Rinnovo di contratto importantissimo quello arrivato in casa Chelsea, con il gioiellino Callum Hudson-Odoi che ha prolungato il suo fino al 30 giugno 2024. Un rinnovo davvero tanto atteso da parte della dirigenza dei Blues e anche da parte dei tifosi che subito si sono invaghiti delle qualità dell’attaccante classe 2000. Qualità dimostrate fin dalla prima partita da parte di Hudson-Odoi che in un solo anno è riuscito a conquistarsi anche la convocazione in nazionale maggiore, debuttando a fine marzo.

Felice di rinnovare il suo contratto con i Blues è lo stesso Hudson-Odoi che ha espresso le sue sensazioni al sito ufficiale del club, dichiarando come sia il club giusto per lui: “È una sensazione incredibile: è stata una lunga attesa ma ora è tutto vero, tutto nero su bianco, e sono molto felice di ciò. Sono un giocatore del Chelsea da quando ho otto anni, e questo è il club migliore in cui potrei essere

L’obiettivo di Hudson-Odoi con la maglia del Chelsea naturalmente, come affermato da lui stesso, è di segnare tanti gol e di alzare tanti trofei, riportando in club in alto ovunque. Immensa soddisfazione anche da parte della società inglese per questo rinnovo come si può leggere nelle parole di Marina Granovskaia, direttrice del club e braccio destro di Abramovich: “Nell’ultima stagione, Callum ha mostrato che talento elettrizzante è. Siamo lieti che si sia legato al Chelsea e siamo tutti entusiasti della prospettiva di vederlo continuare a crescere negli anni a venire”.

 

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei