Udinese Calcio e Consorzio del Prosciutto di San Daniele: una partnership d’eccellenza

Il calcio è uno sport profondamente radicato nella cultura italiana: ciò è dovuto in parte alla lunga storia che hanno i club calcistici nostrani. L’Udinese Calcio, uno dei team storici d’Italia, ha stretto una partnership davvero importante con uno dei marchi food simbolo del Friuli-Venezia Giulia e del Made in Italy nel mondo, ovvero il Prosciutto di San Daniele.

Il Consorzio del Prosciutto di San Daniele sarà sleeve sponsor della squadra bianconera nella stagione calcistica 2020/21: la nuova maglia è stata presentata lo scorso 24 agosto a Lignano Sabbiadoro e a Grado attraverso un video emozionale.

Questa collaborazione non prevede solamente il logo sulla manica sinistra della maglia sportiva, ma prevede una serie di attività studiate ad hoc. Durante le competizioni sportive verranno proposti degli assaggi di San Daniele nelle aree hospitality della Dacia Arena oltre che nel centro sportivo Bruseschi. Il calcio diventa quindi uno strumento importante per far conoscere una delle eccellenze alimentari del Made in Italy a tutti i tifosi.

L’udinese Calcio e la sua storia

L’Udinese Calcio nasce nel 1896, anche se la sua sezione calcistica risale in realtà al 1911. Il nome esemplifica anche la sede di questo club, la città friulana di Udine. Il bianco e il nero sono colori che sono stati scelti in onore dello stemma della città, che ricordiamo essere uno scudo bianco e nero sormontato da una corona ducale.

Il primo risultato importante di questa squadra è nel 1922dove riesce ad arrivare in finale della Coppa Italia, dove però perdere per 0 a 1 contro il Vado (società calcistica ligure, che attualmente si trova in serie D, ma che è famosa proprio per aver vinto la prima Coppa Italia nel 1922).

Verso la fine degli anni 30 del secolo scorso nascono la Serie A e la Serie B. La prima divisione (all’interno della quale si trovava l’Udinese), viene declassata, il club friulano quindi è costretto a combattere per entrare in serie B. Nella stagione 1930-1931 riesce a tornare in serie B dove resterà (anche se non in maniera costante) fino al 1940. Da qui in poi l’Udinesesi muoverà tra Serie A, Serie B e Serie C e la storia continua ai nostri giorni.

Il legame tra calcio e tradizione gastronomica

Andando a scoprire la storia dei team calcistici è sempre interessante notare come l’attaccamento al territorio e alla sua storia sia sempre forte: forse proprio per questo motivo il calcio ricopre un ruolo così importante nella nostra cultura, perché riesce ad essere espressione dei valori di un territorio. Ed ecco anche perché, nel video di presentazione della nuova maglia creato appositamente dall’Udinese Calcio, la dedica implicita non è solo ai tifosi e all’amato stadio, ma anche a tutta la regione del Friuli-Venezia Giulia.

È chiaro quindi il motivo per cui il Prosciutto di San Daniele e l’Udinese Calcio si siano reciprocamente “scelti”. Da una parte abbiamo una realtà gastronomica che ha un legame fortissimo con il territorio, dall’altra troviamo un club calcistico con la volontà di instaurare collaborazioni con eccellenze del luogo. Infatti, la partnership non sarà limitata alla sola apposizione del marchio del San Daniele DOP sulla maglia dei calciatori dell’Udinese, ma anche a una serie di attività che prevedono delle degustazioni del prodotto nelle aree della Dacia Arena.

La presenza del logo del Consorzio sulle maglie dell’Udinese mira dunque al consolidamento e alla valorizzazione del territorio friulano. Il calcio, dunque, si “incontra” con una delle realtà food più importanti d’Italia per dare vita a una partnership tra eccellenze di grande valore.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Carlo M.

Informazioni sull'autore
Responsabile editoriale, appassionato di Sport (Calcio - F1 - MotoGp)
Tutti i post di Carlo M.