Tragedia in Angola durante Santa Rita-Recreativo Libolo: crolla porta ingresso stadio, 17 morti e 60 feriti

In Angola morti e feriti per il crollo di una porta d’ingresso di uno stadio

Il mondo del calcio viene scosso dall’ennesima tragedia. Dopo l’incidente aereo e la morte della Chapecoense e il naufragio del Kawaibanda in Uganda, ancora in Africa, questa volta in Angola, si registrano morti e feriti durante una partita di calcio.

Infatti, nella prima giornata di campionato, allo Stadio 4 Gennaio di Uíge 7 minuti dopo l’inizio della partita tra Santa Rita e Recreativo Libolo si è verificato il crollo della porta d’ingresso, a causa dell’afflusso eccessivo dei tifosi della squadra padrone di casa, una vera e propria ressa di circa 100 persone per entrare allo stadio dall’entrata principale, che era stata bloccata per poi cedere alla forte pressione.

Il bilancio è di 17 morti e 60 feriti, di cui 5 in gravi condizioni. Ma, soprattutto, tantissimi bambini, che non sono riusciti ad uscire dalla calca. La maggior parte sono stati uccisi per calpestamento e asfissia. 

Questo accade tre giorni dopo la dichiarazione di agibilità dello stadio da parte degli organi competenti, che non avevano preso in considerazione l’adrenalina dei tifosi, pronti a fare di tutto pur di non perdersi la prima partita ufficiale dei propri beniamini. 

Il direttore generale dell’ospedale locale, Ernesto Luis, ha provato a spiegare cosa sarebbe appunto accaduto in quei tragici sette minuti, che hanno costretto ben 100 persone ad andare in ospedale per un controllo, calpestate dalle altre, che tentavano di uscire dallo stadio, o entrarci, anche per sfuggire al caos. 

Queste le sue parole: 

Alcune persone calpestavano delle altre. Sono 76 i feriti, di cui 17 morti

Un giorno di lutto per l’Africa e il mondo intero. Nei prossimi giorni ci saranno i funerali delle vittime della tragedia di Uìge e, molto probabilmente, si procederà ai lavori di ristrutturazione dello stadio, mentre la Santa Rita disputerà le proprie partite altrove. 

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia