Home » Tornano loro, ancora più soldi: offerta monstre dall’Arabia Saudita | Lascia la Serie A a giugno

Tornano loro, ancora più soldi: offerta monstre dall’Arabia Saudita | Lascia la Serie A a giugno

Jose Mourinho
José Mourinho, potrebbe essere la sua ultima stagione alla guida della Roma – StadioSport.it

Arriva il mercato di gennaio e i sauditi tornano a far accendere i loro special in vista di nuovi rinforzi per il campionato arabo.

Questa estate non è passato giorno che non si parlasse di offerte arabe per molti top player, giocatori già fatti in grado di far fruttare in termini di visibilità e di spettacolo ciò che a tutti gli effetti è diventano un investimento per l’economia araba.

Giocatori provenienti da ogni parte dei top campionati europei, ma un po’ tutto il ha risentito del fenomeno arabo. I casi più eclatanti sono stati Benzema e Neymar: il primo ha anticipato di una stagione il suo adiòs al Real Madrid da Pallone d’Oro, il secondo ha deciso di lasciare l’Europa dopo la nefasta esperienza al PSG.

Peccato per O’Ney che la sua prima stagione con la maglia dell’Al-Hilal sia già terminata, tutto per colpa di un bruttissimo infortunio a Belo Horizonte, in occasione della sfida della Canarinha contro l’Uruguay, un infortunio che gli ha procurato la rottura del crociato anteriore sinistro.

L’invervento chirurgico è andato come doveva andare, ma i tempi di recupero sono molto, molto lunghi. Impossibile vederlo in campo per questa stagione, se ne riparlerà dopo giugno del 2024.

Non solo giocatori in Arabia Saudita

Il fenomeno arabo è a tutto tondo. Il Fondo PIF controlla le squadre più competitive: Al-Hilal, Al-Ahly, Al-Nassr e Al-Ittihad, tutte le altre formazioni della Saudi Pro League sono comunque in mano al governo.

Non solo giocatori, però, sono nel mirino dei sauditi, anche gli allenatori. Allenatori noti e affermati, come Steven Gerrard, come il portoghese Nuno Espirito Santo, come il romeno Cosmin Contra (un passato nel Milan). Ne arrivano altri, di ancora più famosi.

Jose Mourinho
Max Allegri, allenatore della Juventus – StadioSport.it

Mourinho e Allegri nel mirino

In Italia hanno convinto Roberto Mancini a prendersi la nazionale dell’Arabia Saudita, provando un doppio colpo grosso: Mourinho-Allegri. È stato proprio il portoghese ad ammettere di quella offerta offerta indecente che ha fatto vacillare il portoghese, prima del grande rifiuto. Proprio come Allegri.

Ecco, la situazione potrebbe ripetersi anche nel 2024, per entrambi. La situazione di Mourinho è più “semplice” di quella di Allegri: il portoghese è in scadenza di contratto, non sta andando affatto bene nella sua terza stagione in giallorosso, giocatori e pubblico sono dalla sua ma nessun ammiccamento da parte della società per il rinnovo di contratto. Ma gli arabi vogliono anche Max Allegri e a giugno sembrano voler tornare alla carica, con ancora più soldi: un’offerta monstre per convincerlo del tutto.