Torna il derby e le grandi emozioni in chiave scudetto: le sensazioni di Biasin e Suma

Una domenica da derby, una domenica da emozioni forti, per due squadre che finalmente, dopo tanto tempo, hanno messo effettivamente nel mirino un tricolore che sembra davvero alla portata. Rispetto agli ultimi anni, nove per la precisione, in cui la Juventus ha messo in mostra un dominio più o meno marcato, all’appello per la corsa scudetto si sono iscritte, finalmente e in modo molto vigoroso, anche Inter e Milan.

cina

Come possono testimoniare anche gli appassionati di scommesse calcio, che hanno notato un flusso sempre più alto di puntate che vanno proprio in tale direzione, con lo scudetto che potrebbe finire, al termine della stagione, proprio nella città meneghina. Non ditelo troppo forte, però, a due appassionati ed esperti come Mauro Suma e Fabrizio Biasin, che si sono simpaticamente alternati in una bella intervista pubblicata sul blog sportivo L’insider.

C’è inevitabilmente una grandissima attesa da parte dei tifosi di entrambe le squadre milanesi, che non vedono l’ora di poter vedere i propri beniamini scendere in campo. Causa Coronavirus, anche questa volta lo stadio di San Siro resterà deserto e sarà un peccato, visto che la posta in palio in questo caso è decisamente alta.

Infatti, chi uscirà vincente dal derby potrebbe ricevere una spinta molto importante a livello morale e in termini di fiducia, al punto tale che potrebbe risultare decisiva in ottica scudetto. Certo, da un lato bisogna riconoscere come sia meglio non escludere dai giochi per il momento la Juventus, che non muore mai e che può sempre dire la sua, anche per via dell’alto numero di giornate rimanenti da qui alla fine del campionato. D’altro canto, però, è inevitabile mettere in evidenza come questo sembra essere davvero l’anno perfetto per togliere la corona dalla testa dei bianconeri, che sembrano in evidente difficoltà e hanno comunque un distacco non indifferente.

Una questione di stile di gioco

Biasin dà ragione al discorso che Beppe Bergomi, storica colonna in difesa dell’Inter degli anni Ottanta e Novanta, ha fatto come opinionista poco tempo fa, in cui metteva in evidenza come il Milan avesse una notevole capacità di incidere sulle partite, con una rosa notevole. Poco d’accordo, invece, sul fatto che la compagine nerazzurra fosse solamente la quarta rosa del campionato, essendo convinto di come l’Inter abbia tutte le carte in regola, a livello di roster, per poter competere con la Juve, potendo contare anche su un condottiero in panchina come Antonio Conte, che garantisce sempre quell’apporto aggiuntivo che può fare la differenza in un campionato lungo e insidioso come quello italiano.

D’altro canto, bisogna sottolineare come un grande pregio dell’Inter, secondo Biasin, ma anche secondo il pensiero di Suma, è quello di rispecchiare in campo il carattere del suo allenatore. Agonismo e determinazione, in tal senso, non devono mai mancare dal primo fino all’ultimo minuto di gioco, recupero ovviamente compreso. D’altro canto, spesso e volentieri l’Inter si ritrova senza un vero e proprio piano B, non trovando un’alternativa alla forza fisica. Si tratta di un limite che si è palesato in modo particolare a livello europeo.

Per quanto riguarda il Milan, invece, l’unico limite potrebbe essere l’inesperienza, con una squadra che si caratterizza per avere un’età media molto bassa e che, a parte Ibrahimovic, potrebbe soffrire la tensione e la pressione di una partita che mette in gioco così tanto, soprattutto in ottica dello scudetto.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus