Tennis, ATP Finals Londra: esordio vincente per Thiem e Nadal, oggi il secondo girone

L’ultima edizione delle ATP Finals a Londra ha aperto ufficialmente i battenti nella giornata di ieri, una domenica dedicata al gruppo intitolato proprio a questa edizione che, nonostante le problematiche di quest’anno, ospita comunque l’élite del tennis mondiale.

Ad aprire le danze, in singolare, è stata la riedizione della partita che aveva concluso la scorsa edizione, la finale del 2019, la sfida tra Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas e, se l’anno scorso ad imporsi fu il greco al tie break del terzo, questa volta l’esito è cambiato.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Dopo più di due ore e un quarto di battaglia, al termine di una sfida ancora una volta avvincente, è Dominic Thiem il primo a registrare una vittoria nel Master di fine anno, in un incrocio mai banale, deciso dal salto di qualità che l’austriaco ha registrato in questi ultimi mesi.

Il campione di New York, in un primo set decisamente laborioso, è emerso in maniera travolgente nel momento decisivo e, in ritardo di un mini break nel tie break, ha sfruttato la prima chance utile inanellando quattro punti consecutivi per chiudere la pratica.

Pagata cara la prima disattenzione agli albori del secondo set, Thiem non ha commesso lo stesso errore nel parziale decisivo e, in un attimo, si è ritrovato 3-0 avanti con un break decisivo che ha saputo confermare e difendere fino all’ultimo, fino al punto che gli ha consegnato la vittoria.

Una dimostrazione di forza, una prova di maturità, una dolce rivincita per Thiem che, nella prossima giornata, se la vedrà contro l’altro vincitore della domenica, il numero due del mondo Rafael Nadal.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Ogni volta che arriva alle ATP Finals, evento da lui mai vinto, c’è sempre scetticismo e dubbio sulle condizioni dello spagnolo e sulle sue possibilità di far strada nell’evento e già questo esordio, contro il russo Andrey Rublev, tennista con più vittorie all’attivo in questo 2020, appariva delicato.

Ma una prova opaca dell’esordiente ed una giornata perfetta al servizio del campione hanno determinato un incontro più svelto e semplice del previsto, una vittoria in due set, in meno di ottanta minuti di gioco, per Rafael Nadal che non conquistava il match inaugurale del Master addirittura da cinque anni.

Appena dodici punti persi al servizio, nessuna palla break concessa per Nadal a fronte di un’innumerevole mole di errori non forzati del russo, probabilmente teso dall’esordio e dall’avere, dall’altra parte della rete, l’idolo di sempre, già affrontato tre anni fa a New York ma contro cui, già all’epoca, aveva ottenuto ben poco.

Il gruppo Londra 2020 tornerà in campo domani con la sfida tra i vincitori, Nadal contro Thiem e quella tra gli sconfitti, Tsitsipas contro Rublev, per qualcuno potrebbe essere decisivo, per qualcuno potrebbe essere già l’ultima spiaggia, oppure potrebbe regnare ancora l’equilibrio in un torneo in cui davvero tutto può accadere, fino all’ultimo.

QUI, per la situazione aggiornata dei gironi delle ATP Finals di Londra.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi (in campo il gruppo Tokyo 1970).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini