Tennis, ATP: Berrettini liquida Kyrgios, va a Seppi il derby azzurro, out Sinner

Archiviata la stagione sulla terra rossa con l’incredibile dodicesimo acuto parigino di Rafael Nadal, il circuito ATP dà il benvenuto all’erba che, per le prossime cinque settimane, sarà protagonista assoluta.

Tra Stoccarda e ‘s-Hertogenbosch, il circuito maschile inaugura la stagione sulla superficie più incantevole e prestigiosa per una prima parte di estate che poi culminerà, nella prima metà di luglio, con il terzo slam dell’anno a Wimbledon.

ATP STOCCARDA

Splendido successo, in un esordio complesso e sulla carta potenzialmente proibitivo, per Matteo Berrettini che, entrato di recente tra i primi 30 giocatori del mondo, ha festeggiato sconfiggendo in due set Nick Kyrgios.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Federtennis)

Il tennista romano, reduce da una buonissima tournée sulla terra rossa, ha spazzato via, in 53 minuti, l’australiano che, non senza polemiche qua e là, aveva invece addirittura disertato il Roland Garros per preparare quella che, a detta sua, è la sua stagione preferita.

Ma a Stoccarda Kyrgios ha subito fallito senza riuscire mai ad entrare in partita, complice un’ottima prestazione di Berrettini ed una sua versione, invece, decisamente approssimativa.

Adesso per Berrettini ci sarà un altro test intenso contro il numero due del tabellone, il fresco top ten, Karen Khachanov che, all’esordio, ha usufruito di un bye.

ATP ‘S-HERTOGENBOSCH 

Nel secondo appuntamento in programma, quello sull’erba olandese, vittoria all’esordio per Andreas Seppi che, sorteggiato contro il finalista uscente Jeremy Chardy, ha invece trovato, in virtù del ritiro del francese, un lucky loser, nello specifico, il connazionale Thomas Fabbiano.

Il tennista altoatesino, da sempre piuttosto affine all’erba e al suo gioco rapido, ha sconfitto il suo avversario in due set ma piuttosto combattuti con il tie break del primo parziale chiuso solo per 12 punti a 10 e con il secondo vinto al dodicesimo gioco.

Quest’oggi Seppi se la vedrà, per un posto nei quarti di finale, contro il giovane australiano Alex de Minaur, terza testa di serie che ha usufruito di un bye all’esordio.

Nulla da fare, invece, per tutto gli altri tre italiani impegnati, i due qualificati Salvatore Caruso e Jannik Sinner, sconfitti dai due cileni Christian Garin e Nicolas Jarry, così come il torinese Lorenzo Sonego, battuto in tre set dal kazako Mikhail Kukushkin.