Spal-Juventus, Sarri: “Concentrati solo sulla Spal. Non sto stravolgendo la mia filosofia di gioco”

Le parole dell’allenatore della Juventus Maurizio Sarri alla vigilia della partita di domani sera contro la Spal. Il tecnico toscano ha dichiarato come la testa della squadra sia a questa partita e non alle prossime sfide.

Domani alle ore 18:00 la Spal, fanalino di coda della Serie A, ospita la capolista Juventus al Paolo Mazza di Ferrara nella venticinquesima giornata di Serie A.

Quella di domani è l’ultima partita della Juventus prima dell’inizio di un mini-ciclo di partite molto importanti per la propria stagione. Nella conferenza stampa di vigilia, Maurizio Sarri ha confermato l’importanza del periodo che sta per arrivare, ma ha tenuto a precisare come la squadra sia concentrata in vista di domani.

Il tecnico bianconero ha dichiarato che la mente di tutti è alla partita di domani e che il diktat è dover pensare a vincere ogni partita. Contro la Spal, Sarri non vuole cali di concentrazione e lo ha fatto capire chiaramente: “Noi pensiamo alla partita di Ferrara, sappiamo che è un periodo importante ma non decisivo. Le gare decisive sono solo i ritorni della partite a eliminazione diretta. La filosofia deve essere quella di attaccare partita dopo partita senza pensare a un complesso di gare. Dobbiamo pensare a Ferrara e stop, la testa deve essere solamente lì. Il periodo è chiaramente importante”.

La Spal ha cambiato allenatore solo una settimana fa e Sarri ha sottolineato come sia difficile leggere la squadra ferrarese. Al momento, il tecnico toscano ha dichiarato che l’unica differenza con la Spal di Semplici è che quella di Di Biagio gioca con la difesa a tre. Anche domani, nonostante la classifica, Sarri si aspetta una partita non semplice: “È una partita difficile e la Juve lo sa benissimo perché negli ultimi anni la partita di Ferrara è stata sempre complicata. Loro si stanno giocando le possibilità di salvezza, non è un campo semplice”.

Nella conferenza stampa dopo la vittoria con il Brescia, Sarri ha dichiarato come il gioco che si vedeva al Napoli e al Chelsea sarà difficile da vedere. Oggi il tecnico bianconero è tornato sull’argomento, precisando come lui non stia snaturando la sua filosofia di gioco, ma che ci tiene a rispettare le caratteristiche dei suoi giocatori: Non sta stravolgendo la mia filosofia calcistica che rimane la stessa. Ci sono da tenere in considerazione cose diverse, bisogna fare in modo che ci sono giocatori con caratteristiche individualiste rendano al meglio cercando però di innescare una filosofia di gioco. Ma ci vuole rispetto per le caratteristiche dei giocatori che fanno la differenza, se facessi il contrario sarei tacciato, forse anche giustamente, di integralismo”.

Sarri ha poi fatto anche il punto della situazione per quanto riguarda i rientri e gli infortuni. Il tecnico bianconero ha fatto capire come Pjanic ed Higuain non faranno parte della partita, mentre Bernardeschi è recuperato pienamente. Non ci sarà nemmeno Khedira che va preservato al meglio dopo una lunga assenza. Il tecnico toscano, poi, alla domanda sul se stia pensando al turnover per domani a causa di alcuni diffidati come Dybala e De Ligt è stato molto chiaro: “Valuteremo solo in base alla partita di Ferrara, sono calcoli che spesso ho visto saltare per aria in passato”. 

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei