Shakhtar Donetsk – Inter 0-0, voti e pagelle: Barella mai domo, Eriksen fantasma

L’Inter pareggia 0-0 contro lo Shakhtar Donetsk nella seconda giornata del gruppo B di Champions League e prende il secondo pareggio in due giornate.

Gara dominata dai nerazzurri che sfiorano il gol con Lukaku, Barella e Lautaro ma non sfondano il muro dei padroni di casa. Nerazzurri che raccolgono meno di quanto meriterebbero e che complicano il loro percorso europeo.

L’11 anti Shakhtar Donetsk vede Handanovic in porta, difesa con de Vrij che torna titolare assieme a Bastoni e D’Ambrosio. Torna titolare sulla sinistra Ashley Young, con Hakimi sulla destra. Mediana con Brozovic, Barella e Vidal. In attacco la coppia Lautaro Martinez e Lukaku.

Gli ucraini rispondono col classico 4-2-3-1 con Trubin in porta, Dodo, Bondar Khocholava e Kornienko in difesa. Marcos Antonio e Maycon in mediana, con Tetè, Marlos e Solomon alle spalle dell’unica punta Dentinho.

I padroni di casa partono subito aggressivi, pressando i nerazzurri all’altezza della metà campo e portando a colpire in contropiede, Solomon, Marlos e soprattutto il rapido Teté a sinistra. Dopo un iniziale assestamento però la squadra di Conte prende le misure agli avversari, che nella prima frazione non impensieriscono il trio difensivo nerazzurro e Handanovic.

L’Inter controlla il gioco e prende campo, Hakimi e Young sugli esterni sono in palla, Barella è il più attivo davanti, meno performanti Brozovic e Vidal. Il giro palla interista seppur non rapidissimo è preciso e cerca sia l’inserimento dei quinti di fascia, sia l’imbucata centrale per le due punte (bene Lukaku, in ombra Lautaro) a sorprendere i due centrali dello Shakhtar.

Nerazzurri che creano molto, colpiscono due legni (con Barella e con Lukaku su punizione) e sfiorano il gol sempre col belga da corner e con Barella, che trova sulla sua strada un attento Trubin.

Nella ripresa a parte qualche timido accenno in ripartenza, l’Inter domina nettamente il campo. Lautaro si divora una rete a porta vuota ed è stabilmente nella metà campo ucraina. Young e Hakimi spingono tanto, il centrocampo copre bene ma l’Inter non sfonda il muro dello Shakhtar.

Conte inserisce Darmian, Perisic ed Eriksen, ma l’inerzia non cambia e nonostante un altra partita dominata (Inter che non subisce nessun tiro in porta pericoloso), i nerazzurri ottengono meno di quanto meriterebbero. Partita giocata bene e su cui c’è poco da recriminare per i nerazzurri, a parte forse una maggiore cattiveria e cinismo nella zona offensiva di campo. Secondo pareggio in due giornate di Champions per i nerazzurri, ora bisognosi di fare punti nella prossima doppia sfida al Real Madrid.

VOTI E PAGELLE

TOP INTER

BARELLA 7: In una giornata non brillantissima per i suoi colleghi di reparto, il centrocampista nerazzurro è sempre lucido sia in copertura che nelle avanzate offensive. Corre e si sacrifica e sfiora anche il gol con una traversa colpita. Nulla da recriminarsi, così come il solito ottimo Lukaku.

FLOP INTER

LAUTARO MARTINEZ 5: dopo la deludente prestazione di Genoa, altra prova anonima del 10 nerazzurro. Poco efficace in avanti, non riesce mai a rendersi pericoloso ed è spesso confuso. Tanto determinante quando in giornata, quasi dannoso quando in serata no.

ERIKSEN 4: l’unico alibi è che entri forse troppo tardi per incidere davvero, ma l’atteggiamento è quello di uno che è in campo per un amichevole. Nemmeno un tentativo di passaggio illuminante o mapo di classe. Passa 13 minuti di partita a vagare in campo. Comincia ad esaurire le chance.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco