Serie B, risultati 26° giornata: primo successo esterno per il Livorno, il Frosinone si riprende il secondo posto

Chievo-Livorno 0-1: la vera sorpresa odierna arriva da un deserto e spettrale “Bentegodi“, ove i toscani conseguono quello che è il loro primo hurrà esterno di questo disgraziato campionato. I clivensi sprecano molto in avanti, sono imprecisi nell’ultimo passaggio e trovano anche un Plizzari sempre pronto, mentre gli ospiti sono guardinghi e compatti e ad inizio ripresa, dopo aver sfiorato il gol con Awua, riescono a passare in vantaggio al 57° grazie all’oggetto misterioso Franco Ferrari, che trova la prima gioia personale con una bella scivolata su traversone di Marras. Il Chievo cerca il pareggio, ma è troppo confusionario e rischia anche di incassare il raddoppio sempre ad opera di Awua. Il Livorno sale dunque a quota 17 punti, mantenendosi sempre a -10 dai playout, mentre il Chievo resta 8° e ora rischia anche di perdere l’allenatore: la panchina di Marcolini, in bilico da qualche tempo, traballa vistosamente.

Frosinone-Salernitana 1-0: anche i laziali vincono di misura e tornano ad occupare il secondo posto alle spalle dell’imprendibile Benevento, ma i campani si sono disimpegnati bene e per poco non hanno portato via un punto che li avrebbe portati al 5° posto insieme al Cittadella. Il gol decisivo, dopo una prima frazione in cui la difesa ospite ha spesso murato i tentativi altrui, arriva al 72°: al culmine di una lunga azione fatta di cross spazzati via, Haas si rende protagonista di una caparbia iniziativa personale sulla sinistra che termina con il preciso cross sul primo palo che Novakovich devia in rete di testa. Le sostituzioni effettuate da Ventura, tutte e tre nel finale, non portano miglioramenti alla manovra, ma proprio al 95° i granata sfiorano il clamoroso pareggio con Migliorini, che aggancia un cross di Maistro e manca la porta da due passi.