Serie B, risultati 24° giornata: Benevento a +20, cadono Pordenone e Crotone. Livorno ormai condannato, Juve Stabia super. Pareggio inutile tra Venezia ed Entella

Benevento-Pordenone 2-1: i sanniti vincono anche questa realizzando un gol per tempo con Viola e Insigne e ora hanno la bellezza di 20 punti di vantaggio sul trio di seconde classificate formato da Crotone, Frosinone e Spezia e 21 sulle seconde. Il Pordenone, vanamente in gol nel finale con Bocalon, fa invece parte del tris di squadre al terzo posto, ma rischia sorpassi in serie. Per il Benevento può partire ufficialmente il countdown.

Juve Stabia-Crotone 3-2: nuova impresa dei gialloneri, che restano vicini ai playoff, ma non troppo lontani dai playout a causa della stranezza della classifica, cortissima, attuale che può giocare scherzi di tutti i tipi. I calabresi, andati sotto a causa della rete iniziale di Forte, ribaltano già alla mezz’ora con Armenteros e Benali, ma a fine primo tempo Calò pareggia i conti. Nel finale di partita Addae realizza la rete del successo e fa esplodere il “Menti“.

Livorno-Cosenza 0-3: l’incertezza per una cessione societaria che rischia di andare per le lunghe malgrado le rassicurazioni del sindaco labronico, una rosa inadeguata e una piazza infuriata per i disastri di questo ultimo anno, i toscani vengono travolti anche dal Cosenza in quella che potrebbe essere la pietra tombale di un’annata infame che, a meno di miracoli, si concluderà con la retrocessione diretta. I calabresi, in una situazione migliore ma comunque precaria, espugnano il “Picchi” grazie ad un sorprendente ultimo quarto d’ora di primo tempo nel quale realizzano ben tre gol con Asencio, autore di due gol di cui uno in rovesciata, e capitan Bruccini. con questo trionfo il Cosenza sale a quota 23 punti e sale momentaneamente al quartultimo posto in compagnia della Cremonese. Gli amaranto, invece, restano ultimi e con un distacco sempre più ampio dalla zona playout (8 punti).

Venezia-Entella 2-2: nel primo tempo l’arbitro assegna a ciascuna delle contendenti un rigore che Longo e Giuseppe De Luca trasformano con freddezza. Nella ripresa si lotta e si sciupa molto da ambo le parti, poi Aramu trova il jolly ad una decina di minuti dal termine. La festa lagunare, però, viene rovinata dal pareggio ligure firmato da Matteo Mancosu in pieno recupero. Il 2-2 finale impedisce ai padroni di casa di tirarsi fuori dalla zona playout e agli ospiti di salire al secondo posto.