Serie B: cambia la data dell’andata dei playout

Il Trapani conoscerà il suo destino tra cinque giorni. Il 6 agosto il CONI discuterà il ricorso presentato dalla società siciliana contro la penalizzazione di 2 punti comminatale per inadempienze finanziarie, ossia per non aver pagato alcune mensilità ai calciatori nei tempi prestabiliti.

Questa decisione di discutere il ricorso e rilasciare la sentenza il 6 agosto ha modificato il calendario dei playout: l’andata, inizialmente prevista per il 7 agosto, slitterà al 10; il ritorno, invece, resta fissato al 14.

Qualora il ricorso venga accettato, lo scenario muterebbe e provocherebbe un terremoto mica da ridere nei bassifondi: la classifica attuale, infatti, condanna il Trapani alla retrocessione e costringe Pescara e Perugia a spareggiare per evitare a loro volta il declassamento.

Se venisse loro restituito un punto, i granata andrebbero ai playout contro il Perugia spedendo in C gli abruzzesi. In caso di annullamento totale della penalizzazione, invece, il Trapani sarebbe direttamente salvo e ai playout andrebbero Perugia e Cosenza e, anche in questo caso, i pescaresi precipiterebbero in terza serie.

Qualunque sia l’esito, in definitiva, a subire le conseguenze peggiori sarebbe il Pescara, ma, dopo le inevitabili polemiche, Daniele Sebastiani e compagnia bella non potranno fare altro che flagellarsi e ripartire con tutti i dubbi del caso, chiedendosi inoltre il perché si sia preferito proseguire con allenatori di bassissimo profilo e con una squadra palesemente incompleta in più reparti.

I siciliani, ad ogni modo, non meritano la retrocessione, almeno non come Perugia e Pescara, e la loro situazione è dovuta ad una difesa tutt’altro che top e ad un attacco spesso sprecone, per non parlare dei troppi punti persi nei finali di partita.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana