Home » Se perdi sei esonerato: la dirigenza glielo ha comunicato | Beppe Iachini è pronto a sostituirlo

Se perdi sei esonerato: la dirigenza glielo ha comunicato | Beppe Iachini è pronto a sostituirlo

Foto di profilo della panchina di una delle due panchina dell’Estadio de Mestalla di Valencia. 29 ottobre 2022 (© AnsaFoto) – StadioSport.it

Ultima spiaggia per il tecnico dopo la disastrosa partenza: qualora non dovesse vincere sabato pomeriggio, sarà licenziato.

Ottobre è il mese nel quale l’annata calcistica entra nel vivo. Si inizia ad agosto, si carbura a settembre, ad ottobre, nel bene o nel male, si iniziano a delineare i primi scenari, si comincia a comprendere quale direzione può intraprendere la stagione di ogni singolo club. È anche il mese della seconda sosta per le nazionali, che fermerà i campionati fino al weekend 21-22.

Per un allenatore la pausa dedicata alle rappresentative nazionali può risultare pericolosa. Se c’è una posizione in bilico, una panchina traballante, la sosta facilita il cambio, perché le squadre hanno più tempo a disposizione per lavorare con il nuovo tecnico, prima di un nuovo impegno.

In Serie A, al momento, c’è stato soltanto un esonero. Si tratta di Paolo Zanetti, il cui pessimo inizio – culminato con i sette gol subiti all’Olimpico – ha condotto la dirigenza dell’Empoli a richiamare Andreazzoli, al terzo atto sulla panchina toscana. Ma il prossimo turno potrebbe risultare fatale ad altri.

Le panchine più calde appaiono quelle di Paulo Sousa, Andrea Sottil e Claudio Ranieri. Salernitana, Udinese e Cagliari sono le uniche squadre del massimo campionato a non aver ancora vinto una partita. Un altro risultato negativo potrebbe risultare fatale.

Ultima chance

Se scendiamo di categoria, anche Andrea Pirlo non se la passa benissimo, per utilizzare un eufemismo. La Sampdoria occupa la penultima posizione in campionato e ha ottenuto una sola vittoria nelle prime otto partite. I punti raccolti sul campo sarebbero cinque, ma a causa della penalizzazione per gli eventi della passata stagione sono scesi a tre.

La posizione dell’ex allenatore della Juventus adesso è al rischio, con la partita di Ascoli che potrebbe rappresentare la sua ultima spiaggia. In caso di esonero, Beppe Iachini potrebbe essere il favorito per la panchina, insieme a Filippo Inzaghi.

Andrea Pirlo, allenatore della Sampdoria, dà indicazioni ai suoi giocatori durante l’amichevole contro il Novara. 6 agosto 2023 (© U.C. Sampdoria)

Fiducia…obbligatoria

La dirigenza blucerchiata ha lasciato trapelare la totale fiducia per il progetto tecnico intrapreso pochi mesi fa, ma la realtà è che fin qui l’unica cosa che ha tenuto Pirlo incollato alla panchina è la complessa situazione societaria.

Nonostante il passaggio di proprietà a Radrizzani, infatti, la Sampdoria è ancora in attesa di ottenere il lasciapassare dal tribunale per il piano di ristrutturazione del debito. Fino ad allora, ogni decisione onerosa deve avere il benestare dei giudici competenti, che difficilmente potrebbero avallare un licenziamento che peserebbe per 2,2 milioni di euro sulle casse della società.