Roma-Torino 1-1, Mourinho: “Abraham è un privilegiato, Karsdorp sa perché non è stato convocato”

Il tecnico portoghese ha parlato in conferenza stampa dopo il pareggio contro il Torino.

La Roma chiude il 2022 con un pareggio casalingo contro il Torino.

L’anno giallorosso è stato ricco di gioie e dolori con una chiusura di mese che, certamente, non può rendere troppo felici i tifosi capitolini.

La luce è arrivata negli ultimi 20 minuti di gara con l’ingresso di Paulo Dybala che ha ridato verve e idee ai compagni.

Josè Mourinho parte proprio dalla valutazione sull’attaccante argentino quando, in conferenza stampa, viene interrogato riguardo al pareggio maturato contro i granata.

In questo momento che Paulo è recuperato, il tecnico portoghese ha meno preoccupazioni e la sua speranza è che possa tornare bene per la seconda parte della stagione.

I 20 minuti di Dybala hanno permesso alla Roma di fare più azioni di quante sono state fatte nelle ultime uscite ed è per questo che Mou li definisce “i 20 minuti della speranza”.

Speranza che lo Special One attribuisce anche al giovane Tahirovic, entrato a partita in corso, che a detta del mister capitolino diventerà un grande giocatore.

Il discorso più importante, però, verte su Tammy Abraham che viene definito “privilegiato” dal suo mister.

Il termine viene usato da Mourinho per definire che non può essere un giocatore attanagliato dalla tristezza o dai problemi e non gli serve l’appoggio di nessuno per dimostrare il suo valore.

Il discorso psicologico non può essere una scusante per le prestazioni di Abraham che, come tutti gli altri, sono chiamati a dare di più dopo la sosta.

Anche Volpato non ha giocato al meglio e Mourinho si attribuisce la colpa della scelta perché, a detta del mister, contro il Torino non doveva essere la sua partita vista la grande fisicità degli avversari.

La conferenza si chiude con la domanda dedicata a Rick Karsdorp, giocatore verso il quale, con ogni probabilità, Mourinho aveva riversato la sua ira nel post gara del match contro il Sassuolo.

L’olandese non è stato convocato e lo Special One spiega che la decisione è stata proprio del mister e che Karsdorp sa perfettamente il perché di questa scelta.

Non è un clima disteso quello dei giallorossi in questa ultima partita del 2022, ma la sosta potrà aiutare a recuperare motivazioni ed energie.